Greco e latino, se mettiamo le lingue classiche a confronto ci si apre un mondo

Se dovessimo comparare le lingue classiche scorgeremmo a maggior ragione la loro essenza, non a caso un esercizio fondamentale, soprattutto nei licei classici di una volta, consisteva nel tradurre dal latino al greco e viceversa, mettendo per un attimo da parte la lingua italiana. E questo esercizio, seppur spesso causa di panico fra gli studenti, a livello filologico e puramente linguistico, ti metteva in connessione, nella maniera più efficace possibile, con il vivo sintattico e morfologico di entrambe le lingue. Immaginiamo ora una sorta di comparazione fra le due lingue, che vada oltre il mero esercizio di traduzione, così caro ai classicisti che grazie al rigore della disciplina si arrovellano piacevolmente nello svolgimento della resa letterale di un testo, sciogliendo i loro rebus. Ma se invece ci approcciassimo ad un confronto anche dal punto di vista stilistico e storiografico fra le due lingue? Ci si aprirà un mondo. Ecco alcune delle differenze sostanziali su cui vale la pena riflettere. Il greco è la lingua della logica, il latino è la lingua della sfumatura Il logos è insito nel greco, la lingua razionale per eccellenza, come molte altre lingue indoeuropee, è una lingua flessiva. È fortemente arcaica nella conservazione delle forme dell'indoeuropeo. Il primo esempio che viene alla mente come tratto distintivo è la presenza dei tre numeri – singolare, duale e plurale –  questo ci fa pensare a quanto i greci amassero l'esattezza, precisando il numero duale, cioé di coloro che vanno in coppia, e chissà se questa peculiarità non derivi dall'epos omerico, o ancor prima dalle storie degli aedi, in cui coppie intramontabili come Achille e Patroclo, Ettore e Andromaca, non siano poi rimaste impresse nell'immaginario collettivo tanto da formalizzarsi in una vera e propria struttura linguistica espressa nel duale. Ma questa è solo una supposizione. Quel che è certo è che si tratta di una lingua esatta e più essenziale rispetto al latino, basti pensare come attorno al solo caso dativo orbiti un gran numero di complementi, articolati con preposizioni ad hoc. Inoltre anche la forma medio-passiva ci riconduce ad una dimensione di esattezza estrema nell'uso dei verbi, poiché per i greci un conto è compiere un'azione, un altro è compiere un'azione per se stessi, sfumatura che non va confusa con i soliti verbi riflessivi anche latini. Nella lingua greca il concetto del tempo è straordinario.

      L'universo verbale è forse l'ambito in cui più si riscontrano differenze fra le due lingue classiche. In greco è fondamentale l'aspetto del verbo, cioé "come" avviene l'azione, in latino, meno logico e ricco di sfumature, l'accento viene posto sul tempo del verbo, quindi su "quando" avviene. Motivo per cui in latino la consecutio temporum è ferrea, mentre in greco no e l'aoristo ne è l'esempio emblematico: un tempo verbale, che già dal nome, derivato dall'aggettivo "aoristos", indica semplicemente che inizia a svolgersi un'azione, senza una connotazione temporale ben precisa, senza indicare esattamente il quando. L'aoristo è un paradosso, un tempo "aoristos", appunto, indefinito, un tempo senza tempo, che si traduce adattandolo di volta in volta al contesto del periodo. A conferma del suo valore indeterminato, il suo uso proverbiale, appunto l'aoristo gnomico, perché i proverbi e le massime si collocano al di fuori del tempo, hanno validità universale. La matematica nel cuore della lingua e i rebus da sciogliere Inoltre a riprova che il greco sia la lingua della logica consideriamo apofonie e classi verbali, sono elementi quasi algebrici, è quasi come avere un approccio matematico, non si possono saltare passaggi per la ricostruzione dei paradigmi, più che nel latino, che un po' per maggiore analogia grafica a livello di alfabeto, un po' per analogia fonetica, ci risulta più familiare. Ma guai a farsi ingannare dalle apparenze, il latino è una lingua che richiede maggior sforzo cognitivo da parte di chi la studia. Lo è soprattutto quella in prosa, che è linguisticamente più dispersiva, carica di sfumature, ne è di esempio l'oratoria ciceroniana, dove in virtù dell'ars retorica, la lingua diviene un intricato susseguirsi di principali e subordinate. Ecco perché la prosa ciceroniana è considerata spesso un vero e proprio rebus. Il greco è la lingua della filosofia, il latino è la lingua dell'oratoria La razionalità del greco si è prestata bene alla filosofia, basti pensare a Socrate e Platone, e citandoli parliamo delle origini del pensiero. I dialoghi platonici costituiscono una vera e propria forma di comunicazione. Infatti, mentre della dialettica socratica possiamo affermare che si tratta di un metodo della ricerca filosofica, della forma scritta che la dialettica assume non si può sostenere lo stesso, perché è da Platone in poi che si inizia a scrivere. Nei dialoghi platonici si comincia a plasmare lo stile, e la lingua greca sembra essere perfetta per la ricerca filosofica e il ragionamento. Se dovessimo però ulteriormente differenziare le lingue classiche lasceremmo invece al latino il primato dell'oratoria, e con questo niente equivoci, bisogna infatti porre attenzione, non dimenticando uno dei due maggiori filoni dell'oratoria latina, quello "atticista", che affonda radici nell'oratoria attica greca, ma poi è come se i latini l'ars oratoria l'avessero collaudata ulteriormente. La civiltà greca è inevitabilmente alle origini di tutto Per parlare di epos, bisogna passare da Omero, dall'Iliade e dall'Odissea, solo attraverso questo enorme bagaglio arriveremo alla fondazione di Roma e all'Eneide virgiliana. Il divario cronologico fra le due civiltà è notevole, basti pensare che mentre la civiltà greca si andava ellenizzando, l'impero romano era ai suoi esordi. Con la morte di Alessandro Magno e la conquista da parte di Cleopatra del Regno tolemaico d'Egitto, con la battaglia di Azio del 31 a.C., l'Oriente cadrà definitivamente nell'orbita romana occidentale. L'epos, la storia, le strutture linguistiche, la filosofia e la retorica vengono dai greci, inutile specificarlo, ma i latini ne faranno buon uso. Durante l'età repubblicana e augustea di fondamentale importanza è il ruolo delle biblioteche, con la crisi della res publica, la cultura vuole emanciparsi dall'attività politico-statale. Ad incarnare perfettamente questo scenario culturale sarà Cicerone che comprende sempre più come la formazione dell'uomo politico debba essere ‘completa' di cultura e retorica, e non si possa prescindere mai dalla cultura greca. Cicerone è un idealista del passato ma al tempo stesso un innovatore perché sarà il primo a capire che la sapienza deve accostarsi all'usus, cioé alla pratica. E quando diciamo che, mentre il greco è la lingua della logica e della filosofia, il latino lo è della retorica, sarà proprio Cicerone ad insegnarcelo, ponendola al di sopra di tutte le altre discipline che devono ad essa subordinarsi. Ma la retorica è un'arma pericolosa, perché l'arte della persuasione nel mondo latino sarà sempre un'arma politica che molti si auspicavano restasse nelle mani di pochi. Ci auguriamo invece che oggi la cultura classica, non solo non si limiti a puro sfoggio retorico né sia destinata a pochi eletti, ma possa invece costituire patrimonio universale dell'umanità.

21 marzo 2017

Silvia Buffo   

 

 

UN ARTICOLO DI WALTER LAPINI CONTRO IL DEMONE DEL FACILISMO NEL LICEO CLASSICO

 

Il "facilismo" malattia infantile del classismo

La traduzione da greco e latino prova di maturità ma soprattutto di civiltà

08/11/2016

Pubblichiamo qui di seguito un articolo di Walter Lapini (professore ordinario di Letteratura Greca presso l’Università di Genova) sul tema oggi dibattutissimo del ruolo del Liceo Classico e in generale degli studi di antichistica nell’Italia contemporanea; un tema di cui Economia Italiana si è già occupata in tempi recenti.
Partendo da una risposta al collega Maurizio Bettini, presidente dell’AMA (Antropologia e Mondo Antico), Lapini riafferma tenacemente la centralità della traduzione nell’insegnamento del latino e del greco, nella convinzione che il ridimensionamento, l’annacquamento o magari la soppressione di questa attività altamente strutturante costituirebbe una disastrosa rinuncia all’ultimo potente antidoto contro la logica del facilismo e del pressappochismo che sta dilagando sia nella scuola sia nella società.
------------------------------------------------------
Premessa a quanto dirò sono gli articoli di Walter Lapini, L’autunno caldo della maturità, (21.09.2016), e Maurizio Bettini, Le ossessioni del Professor Walter Lapini (24.09.16), usciti entrambi nel blog Le Parole e le Cose (rispettivamente www.leparoleelecose.it/?p=24387 e www.leparoleelecose.it/?p=24439). Il primo anche in questo stesso giornale Economia Italiana del 21.09.16:www.economiaitaliana.it/it/articolo.php/Greco-e-latino-piu facili ARCHIVIO=1&ID=22857&LT=CULT.
Ne do per scontata la lettura.
Maurizio Bettini tenta di buttarla, come si dice, in caciara, inventandosi o realmente immaginando ruggini accademiche che non esistono. Ma io non voglio giocare a questo gioco e, da ossesso, torno a insistere sulla versione dal greco o dal latino alla maturità, sulla versione in genere, sul tradurre in sé. Torno a insistervi perché credo che il momento della traduzione solitaria da una lingua antica, con testo e vocabolario e nessuno attorno che ti aiuti o suggerisca, senza papà e mammà o fratelli e sorelle o professori di ripetizione o telefoni azzurri, sia un’esperienza formativa di eccezionale importanza e unica nel suo genere.
Perché unica? Perché ti obbliga a cercare una mediazione fra regola e intuito: da una parte sta la grammatica con le sue leggi e le sue pretese, dall’altra la tua discrezionalità, responsabilità, iniziativa. E tu sei lì in mezzo, e devi capire con le tue sole forze se la tale regola si adatta al tuo caso, o si adatta fino a un certo punto, o non si adatta affatto. In ciò sta il valore formativo della prova: nella dialettica fra regola e interpretazione, discrimine fra l’essere bambini e l’essere adulti.
Se Bettini ha trovato qualcosa di meglio, rinuncio alle nuotate in Liguria e mi unisco anch’io alla Scuola Estiva di Siena, nonché a quella trionfale transumanza da un’aula magna all’altra che il Nostro descrive con un pathos da avanzata di Serse. Ma purtroppo, anche se le tacche sulla cintura aumentano, gli argomenti restano i soliti due: (1) che occorre insegnare le lingue antiche con meno grammatica e (2) che occorre aggiungere alla versione di maturità una serie di paratesti e quindi ridurre il peso docimologico della traduzione secca.
Sul primo punto rispondo che per me una lingua con meno grammatica è come la musica con meno note o l’algebra con meno numeri. Quanto al secondo punto, capisco la proposta, ma continuo a non veder chiaro nei dettagli. E a quanto pare non sono l’unico. La studentessa L. Bevilacqua, soddisfatta frequentatrice dell’AMA, ha scritto che la vera dimostrazione che un brano è stato compreso non va cercata nella traduzione ma «semmai nel commento (che a me era richiesto, dopo la versione nei compiti in classe, e quella era la parte difficile): la versione potevo averla “confrontata” con i miei compagni, ma è solo dal commento che la professoressa capiva se io avevo “capito” davvero» («LPLC» 26.09.16).
Con tutta evidenza la signorina parla del commento tipo certamen, affidato all’iniziativa dello studente, riempito dei contenuti che crede lui. Bettini invece parla di domande pre-assegnate e finalizzate a chiarire ciò che da che mondo è mondo si chiarisce e si discute all’orale. Non è la stessa cosa.
Perciò o la signorina non stava attenta alla spiegazione, oppure il maestro sotto quei 30 gradi all’ombra (ma il Miur non potrebbe scucire all’AMA qualche soldo per l’aria condizionata?) si è spiegato male lui, dimenticando quanto dichiarato all’Unità (17.05.16), a Repubblica (24.06.16) e magari altrove. Poiché il punto è cruciale, Bettini non dovrebbe reagire con insofferenza a chi chiede spiegazioni stringenti. Come dice il comandante Strelnikov, «metti un coltello accanto a una forchetta e un cucchiaio e sembrerà innocuo». Anche queste domande di verifica sembrano innocue, ma bisogna vedere se lo sono davvero.
Bettini è uomo esperto e conoscitore della legge di Gresham, e certo sa che in questi casi l’elemento insiticio tende a invadere rapidamente tutto lo spazio disponibile: qual è la garanzia che i paratesti non diventerebbero un’occasione di generale seisachtheia? Mettiamo che il ragazzo faccia una versione da 3 e alle domande risponda da 4/5, che diventa 5 chiudendo un occhio e 5+ chiudendone due. La somma è all’incirca 8.5. Questo 8.5 diviso a metà ci riporta a 4 e qualcosa, che arrotondato fa 5. E il 5 da tempo non è più un’insufficienza. Sono conti della serva ma aiutano a capire.
L’esempio non è fictum, come possono testimoniare i tanti professori che a fine anno escono dallo scrutinio con le lacrime agli occhi, non perché non è stata saziata la loro sete di sangue, ma perché la democratica volontà del Consiglio li ha costretti a mettere sullo stesso piano – o a non differenziare abbastanza – l’alunno che ha studiato seriamente e l’alunno che non ha aperto libro. Un tempo si pretendeva il 6 politico ex instituto. Oggi pure si pretende il 6, ma attraverso l’aritmetica creativa. Il che è molto più disonesto.
Anch’io ho insegnato greco e latino al biennio e conosco la depressione degli igitur «si va», dei ventum est «tirava vento», degli archaia physis «antico mantice», dei kyrie eleeson «Ciro abbi pietà», degli hic libellus passati a hoc libellum, dei celsa concordati con aethera e così via. Anch’io mi sono detto e talvolta ancora mi dico che forse sarebbe meglio farla finita con questo scempio, abolire tutto, uccidere il cavallo azzoppato. Anch’io mi sono sorpreso a invocare riforme, alternative, soluzioni nuove. Solo che queste soluzioni non esistono. Bisogna metterselo in testa: non esistono. Il metodo tale o il metodo talaltro spesso non sono che pretesti per abbassare l’asticella senza darlo a vedere né agli altri né a se stessi. E le grandi riforme, a mia memoria, hanno sempre peggiorato le cose, nella scuola e fuori. Ma talvolta il vero passo in avanti è il passo indietro, il riprendersi ciò che ci hanno portato via. Ecco tre obiettivi belli concreti:
(1) Combattere il costoso e paralizzante leviatano burocratico nonché il nuovo flagello degli incentivi-elemosina che creano zizzania e pseudo-competizione, senza peraltro aggiungere allo stipendio dei premiati nulla che lo renda lontanamente decoroso.
(2) Contrastare il sempre più accanito sbriciolamento della cattedra di lettere, tenendo presente che la scissione del sinolo latino-greco, reso obbligato dalle demenziali riforme d’orario introdotte dalla Gelmini, è in realtà un fenomeno antico, fondato sul tristo calcolo per cui se un professore dice nero è probabile che l’altro dica bianco – con conseguente certa assoluzione dello studente che periclita.
(3) Selezionare i nuovi docenti sulla base di esami degni di questo nome, evitando il ripetersi della sconcia vicenda dello scorso luglio-agosto, allorché tanti giovani laureati solidi, preparati, vocati all’insegnamento, onusti di dottorati, master e abilitazioni TFA, sono stati falciati senza misericordia non perché non sapessero tradurre e commentare un testo, ma perché non c’era nessun testo da tradurre e da commentare.
Ricordo di passata che ad aprile proprio Bettini aveva dichiarato che un concorso senza scritti sarebbe stato una cosa «gravissima» (Corriere 28.04.16). Orbene, gli scritti – gli scritti come da sempre si intendono – di fatto nel concorsone di agosto non ci sono stati, ma non mi risulta che l’autore della perentoria dichiarazione abbia poi mosso collo o piegato sua costa. Eppure è anche dalla serietà del reclutamento che dipende la percezione della scuola come luogo in cui costruire qualcosa o viceversa come un ripiego, una condanna, una fine da sfigati.
L’appeal del latino e del greco e di ogni disciplina dipende dall’appeal del docente, e se il docente non piace, se non ispira fiducia o è sfiduciato lui stesso, puoi anche inventare i vocabolari al gusto di spritz o far spiegare gli aoristi da Ryan Gosling, ma sarà tutto inutile: i licei classici continueranno a svuotarsi.
Tempo fa Bettini scrisse un articolo intitolato Quelle inutili anzi dannose traduzioni greche e latine (Repubblica 05.03.15). I titoli degli articoli (e dei libri, talvolta) li fanno i titolisti. Perciò mi guardo bene dal crocifiggere l’illustre cattedratico a quello slogan. Quando Bettini dice di non voler eliminare lo studio delle lingue antiche dai nostri licei, non è la sua buona fede che metto in dubbio, ma la sua capacità di valutare la situazione nel lungo periodo e anche nel breve, nonché la sua capacità o volontà di smarcarsi da personaggi come Luigi Berlinguer, che nel memorabile sermone del Politecnico dichiarò paro paro che la versione della maturità classica andava abolita.
Io credo che questo continuo nebuloso parlare di alleggerimenti, di decurtazioni di programmi, di testi letti in italiano, porterà inevitabilmente alla decapitazione delle lingue classiche (e poi degli studi classici) nel nostro Paese. Forse Bettini è convinto che offrendo il dito verrà preso solo il dito. Io invece sono certo che verrà preso il braccio e tutto il resto, e non – come qualcuno sembra credere – perché esistano grandi vecchi, oscure regìe o protocolli dei saggi di Siena, ma perché si è formata una tendenza generale che non riconosce dignità alla fatica, che dissolve il nesso investimento-risultato e alimenta l’idea che l’ostacolo non sia una componente inevitabile del vivere (e magari un’occasione per cimentarti, migliorare), bensì una difficoltà che qualcuno ti ha messo davanti per malvagità, per farti dispetto. Questa idea si è impadronita anche della scuola, della nostra scuola iperdemocratica che sta pian piano rinunciando alla funzione di trasmettere sapere e di far emergere attitudini e talenti, e che alle lunghe può diventare (summum ius...) più classista della scuola di mezzo secolo fa, poiché nell’ignoranza generalizzata tutti si troveranno allo stesso livello, e le possibilità di agguantare un lavoro dipenderanno unicamente dalle aderenze di papà.
È questa cultura del facilismo, del tutto dovuto, del risultato a-costo-zero che dobbiamo contrastare, perché è qui che si vince o si perde. Ed è su questo che i maîtres dell’AMA, che tanto possono appo il ministero, dovrebbero riflettere, invece che esibire di continuo l’argenteria di casa ormai nota nell’ecumene e già un pochino ossidata.
Walter Lapini, Università di Genova

L'ECCELLENZA DELLA FORMAZIONE CLASSICA

 

Più bravi e regolari negli studi: 
la rivincita del liceo Classico

         di Antonella De Gregorio
 
La ricerca Almalaurea per il Corriere: chi si diploma in questo indirizzo ha voti più alti ed è più motivato. Ivano Dionigi: «Per rilanciarlo va riconosciuta l’importanza del Latino e del Greco. Potenziando la Matematica e le discipline scientifiche»
 
 
Ma quali processi e petizioni: per salvare il liceo classico basterebbe guardare i numeri. Quelli del voto di laurea degli ex liceali: qualunque facoltà scelgano, hanno punteggi più alti dei colleghi: 105, di media, contro 103 di chi esce dallo Scientifico e 99,7 di chi ha studiato a un Tecnico. O quelli sulla regolarità degli studi, innanzitutto: in linea con i diplomati scientifici e davanti ai tecnici. La motivazione, poi: il 40,3% dei laureati con formazione classica si iscrive all’università spinto da interessi culturali, contro il 32,3% dei laureati con formazione scientifica e il 27,8% di coloro che hanno un diploma tecnico. Quando si trovano a giudicare il loro percorso universitario, infine, sono più «consapevoli» ed «esigenti».
 
La scuola che «tiene» di più
   Basta, questo, a raccontare il liceo classico come la scuola che «tiene» di più? Ne è convinto Ivano Dionigi - latinista, ex rettore dell’Università di Bologna (dove da poco è tornato a insegnare), presidente di Almalaurea - che ha fatto analizzare dal Consorzio le performance universitarie dei diplomati al classico in tutti i corsi: umanistici e scientifico-tecnologici. L’indagine, che Dionigi ha illustrato in anteprima al Corriere e che ha sondato 270mila laureati nell’anno solare 2015, sfata molti luoghi comuni. Intanto, che il Classico sia la scuola dei «figli di papà»: lo è stato forse fino al 1969, quando era l’unico indirizzo che dava accesso a qualsiasi facoltà universitaria, mentre chi proveniva dallo Scientifico non poteva iscriversi a Giurisprudenza o a Lettere. «Oggi è ancora vero che chi viene dal Classico gode di un contesto socio-culturale più avvantaggiato; ma il dato del 33,8% proveniente dalla classe media impiegatizia, sommato al 13,7% della classe del lavoro esecutivo, smonta l’equazione», dice Dionigi. Oppure che offra prospettive di lavoro circoscritte: i diplomati al classico svolgono lavori in ogni ambito, da Fabiola Gianotti, direttrice del Cern di Ginevra, al regista Gabriele Salvatores. E poi che agli studenti del Classico siano precluse (o risultino più ostiche) le facoltà scientifiche. A Bologna quelli iscritti a Medicina battono i colleghi dello Scientifico per media di voti d’esame, voto di laurea e regolarità di studi. Lo stesso a Roma, alla Sapienza; e al Politecnico di Milano, dove il rettore, Giovanni Azzone, ha elogiato gli ottimi risultati dei diplomati classici.

Voti più alti

In generale, dice Dionigi «i voti di laurea sono più elevati, in tutti i quindici raggruppamenti disciplinari esaminati, tranne ingegneria, dove classici e scientifici comunque pareggiano (102,1). I numeri ci dicono anche che sono più numerosi i classicisti che hanno svolto periodi di studio all’estero (15,7% contro il 12,2% e il 9%)». Mezzi familiari e motivazione culturale in questo caso giocano alla pari.

 
La traduzione
 

Ma allora quel gregge sempre più sparuto (dimezzato in meno di dieci anni) che ha scelto il classico - 6 ragazzi su 100, nel 2016 - ha più vantaggi o svantaggi nella laurea (e nel lavoro) rispetto a chi ha fatto percorsi scientifici e tecnici? Domanda che ciclicamente torna e riporta alla querelle passatisti/modernisti, conservatori/riformatori, sull’utilità e la validità del liceo classico e di alcune sue prerogative (traduzione sì o no, per esempio). A partire dall’ex ministro dell’Istruzione Luigi Berlinguer, che reputava il Classico un liceo nozionistico, da svecchiare e alleggerire. Ma i sostenitori ne apprezzano metodo e organizzazione: allena capacità di concentrazione e di astrazione, padronanza della lingua. Mentre quel meccanismo di logica e rigore che è la traduzione, costituisce un esercizio mentale e cognitivo unico, sostiene Massimo Cazzulo, grecista e docente al classico Tito Livio di Milano: «Tradurre un testo classico significa mettere in atto, e simultaneamente, un ragionamento complesso che stimola i processi analitici, sintetici, intuitivi, gnoseologici, che induce a impostare un’ipotesi di lavoro e sottoporla, poi, ad una critica serrata, per vedere se funziona realmente. E questo spiega perché gli studenti che escono dal Classico ottengono risultati eccellenti anche in materie molto lontane dalla classicità», afferma.

Rilancio
Come si sia arrivati a mettere all’angolo un liceo che ci è stato invidiato da mezzo mondo richiederebbe un libro. Tra le pagine, comparirebbero processi, appelli e da ultimo anche una «task force» per rilanciare l’indirizzo di studi (taskforceperilclassico.it). Va detto che le critiche al Classico nascono dall’esterno, non dall’interno: chi lo ha scelto, in 74 casi su cento lo rifarebbe. Lo dicono i dati di Almadiploma, la branca di Almalaurea dedicata alla scuola superiore. «Non si tratta solo di difenderlo ma di riflettere, seriamente», dice Ivano Dionigi (che ha anche scritto, di recente, un libro sul valore del Latino oggi: «Il presente non basta»). «La discussione è centrale, per non correre in direzione di licei sempre più mediocri». Per un rilancio, Dionigi invoca innanzitutto un pieno riconoscimento dell’importanza del latino e del greco. E poi, «anziché semplificare e sostituire, come è stato suggerito, potenziare e aggiungere. Dilatando gli orari scolastici, rivedendo i compiti a casa, pagando adeguatamente gli insegnanti», dice. «Con un’adeguata e necessaria iniezione di matematica e discipline scientifiche nel classico, i segni più della nostra indagine si estenderebbero e affermerebbero in tutti gli indicatori». E continueremmo ad avere la miglior scuola d’Europa e d’Oltreoceano.

RISPOSTA A UN ARTICOLO DIFFAMATORIO DEL LICEO CLASSICO PUBBLICATO DA FILIPPO PAGANINI (Pres. Ordine Giornalisti Liguria) sul Secolo XIX dell'8 luglio 2016

 

   Il bello della democrazia è che molto di frequente prende il timone della nave il cuoco di bordo e l’altoparlante trasmette in continuazione non le direttive del comandante ma le varianti per il menu di domani. Pensavo a questa ironica riflessione di Kierkegaard, filosofo che si studia nell’aborrito Liceo gentiliano, leggendo gli argomenti con cui Filippo Paganini (“Presidente dell’Ordine regionale ligure dei giornalisti”) l’altro giorno ha dichiarato l’insensatezza e l’inutilità del Classico, i cui diplomati scriverebbero peggio dei cuochi dell’Alberghiero (parole sue) e che sprecherebbero cinque anni (sempre parole sue) facendosi delle “seghe mentali” sul greco.
   Ora, i buoni manicaretti mi piacciono, ma tra chef e imbrattapentole c’è qualche differenza.  Quali sono le tecniche da bassa cucina con cui i demagoghi più ignoranti  “prendono per il culo” (sì, si dice anche in greco) le masse, lo spieghiamo bene proprio al liceo classico leggendo le commedie dell’ateniese Aristofane: diffamazione gratuita, sfacciata disinformazione, promesse mirabolanti,  sfarfallio inconsistente di  pure emissioni vocali (vi ricordate ad esempio le famose “tre I” di berlusconiana memoria: “Internet, Inglese, Impresa” che avrebbero dovuto salvare la scuola?). All’opposto sta la consapevolezza che nasce dalla severa riflessione su una radice greca, su un pensiero di Cicerone, su una molecola del DNA, sul lessico e sul pensiero di una poesia storicamente contestualizzata, come lo splendido “Cinque Maggio” del Manzoni.  
   E’ così che il Classico si fa scuola di sapere critico, agorà in cui si preparano futuri cittadini attrezzati a salire dalla sala del self service a quella dove si scelgono con competenza  le rotte migliori, per dirigere la nave in acque profonde. Una profondità che è quella della cultura e dello spirito, non morta – come crede Paganini – ma mossa e vivificata dall’eros delle passioni individuali, che gli studenti di liceo classico scoprono e maturano nel corso del quinquennio, venendo a contatto quotidiano con il meglio di quel che la civiltà occidentale ha saputo esprimere in tre millenni.
    Consiglio a Paganini una veloce e intensa lettura dei principali storici greco-romani, per rendersi conto della prudenza e del rispetto cui è tenuto chiunque metta sulla carta dei giudizi che vogliano aspirare a essere credibili: l’informazione, innanzitutto, che nasce dalla verifica autoptica (si diceva una volta: ma mi rendo conto che forse è frutto di inappropriate “seghe mentali” sul greco) della realtà. Entri in un liceo classico, parli con docenti e autentici studenti (non semplici “frequentanti”), legga i loro scritti. Avrà molte sorprese e, se è intellettualmente onesto come io credo, non potrà che scusarsi delle sue errate e ingiuste valutazioni con una palinodia (e dàgliela con gli effetti delle “seghe”…), cioè con una ritrattazione.

                          Andrea Del Ponte
                     Docente di Latino e Greco
                                   al Liceo D’Oria
                                        Genova

IL LATINO E' MORTO? VIVA IL LATINO!

 Il latino è morto viva il latino

di Ivano Dionigi

Come interpretare al meglio la costituzione della Pontificia Accademia della Latinità? 
Come accordarne idealmente pensiero e finalità al magistero della Costituzione Apostolica Veterum sapientia di Giovanni XXIII e della Fondazione Latinitas istituita da Paolo VI? Più in generale: come contribuire a rendere utile e addirittura necessaria una lingua morta e la relativa cultura ormai da decenni rimossa, tenendo al contempo lo sguardo rivolto avanti e indietro, simul ante retroque prospicientes?
La cesura è intervenuta in tempi recenti: agli inizi degli anni Sessanta del ventesimo secolo, quando, dopo la scienza, anche la scuola e la Chiesa abbandonarono il “monoteismo” latino. Infatti, al grido «La lingua dei signori» (così titolava l'Avanti! un famoso fondo di Nenni), il Governo di centro-sinistra abolì l'obbligatorietà del latino nelle scuole medie inferiori, perché considerato «simbolo di educazione elitaria, e quindi di discriminazione sociale» (Traina); facendo pagare così un tributo tutto ideologico a una tradizione culturale fondativa.
Né le voci colte e nobili di Concetto Marchesi, Palmiro Togliatti e Paolo Bufalini -- favorevoli, come per altro già Gramsci, alla lingua di Cicerone e al suo insostituibile ruolo formativo -- valsero a evitare lo scontro tra i servatores e i novatores: scontro non di culture bensì di ignoranze, come se il latino e la classicità fossero di destra, e le scienze, il computer e l'inglese di sinistra.
Quasi in parallelo, il concilio Vaticano II decise di rinunciare in parte, nella sacra liturgia, alla lingua latina, e di adottare le lingue nazionali. Comprensibilmente quella Chiesa che si apriva al popolo di Dio e al mondo contemporaneo non poteva continuare a celebrare la comunione dei fedeli in una lingua ormai pressoché sconosciuta.
Eppure, proprio in quegli anni, esattamente il 22 febbraio del 1962, Papa Giovanni XXIII firmava e diffondeva con la Veterum sapientia un accorato elogio sia della sapienza classica sia delle due lingue: il greco e soprattutto il latino, riconosciuto come loquendi genus pressum, locuples, numerosum, maiestatis plenum et dignitatis (...) quod unice et perspicuitati conducit et gravitati (uno stile conciso, ricco, armonioso, pieno di maestà e di dignità che come nessun altro giova alla chiarezza e alla solennità). Una enciclica ricca di pensiero e di proposte, in verità non pienamente compresa e valorizzata negli anni seguenti.
Un doppio registro? Una doppia norma? Un messaggio contraddittorio tra concilio ed enciclica? Nulla di tutto ciò. Semplicemente, e del tutto coerentemente, si voleva ricordare ai pastori, al clero, ai futuri sacerdoti -- come fa ora il motu proprio di Benedetto XVI -- che la conoscenza della lingua latina e della cultura di Roma costituiscono un patrimonio irrinunciabile, perché in quella lingua e in quella cultura si ritrovano e si concentrano tre proprietà costitutive della fede: l'eredità, l'universalità, l'immutabilità. Quid nunc? Non possiamo non chiederci oggi: latino per chi? Latino perché? Per parlare bene. Ne era convinto anche un pensatore come Alexis de Tocqueville, il quale pur schierato dalla parte del sapere scientifico e tecnologico, riconosceva agli autori greci e latini una cura formale esemplare («nulla nelle loro opere appare scritto in fretta o a caso»).
Noi oggi scontiamo una vera e propria entropia linguistica: una condizione di disordine in cui le nostre parole, ridotte a vocaboli, smarriscono il loro volto e perdono la loro forza. Nel periodo del maximum della comunicazione sperimentiamo il minimum della comprensione. C'è una lingua neutra oggi, una sorta di koinè diafana e asettica che ci fa esclamare con Sallustio: vera vocabula rerum amisimus («abbiamo perduto il significato vero delle parole»).
C'è una ricerca ossessiva delle radici e dell'identità che non giova, propria dei sopravvissuti. Penso a certe Sodalitates che sfidando il ridicolo e nuocendo alla causa pretendono di recuperare anacronisticamente e sterilmente il latino come lingua viva. No; io sto con Eliot, grande ammiratore della classicità e in particolare della lingua di Virgilio, il quale amava dire che il latino è lingua morta, irrimediabilmente morta e fortunatamente morta, cosicché noi possiamo spartircene l'eredità; ma un'eredità da conquistare, non già un feticcio da ossequiare («Ciò che hai ereditato dai padri, conquistalo per possederlo», Goethe). Qui sta la sfida consegnata all'iniziativa e all'intelligenza di questa Accademia: individuare i modi realistici ed efficaci per capitalizzare questa straordinaria eredità linguistica e culturale.
C'è una ricerca delle radici e dell'identità che piace e che giova: l'identità del lessico fondamentale dell'Europa, che ha sempre parlato latino; dei lasciti culturali specifici (il pensiero filosofico, politico, giuridico, ma anche tecnico e scientifico); e soprattutto dell'eredità plurale, vale a dire l'acquisizione di una forma mentale aperta a tutte le possibili alternative, perché il mondo classico è abitato non da un pensiero unico e limitante, bensì dalla pluralità delle concezioni rivali del mondo. I classici, dunque, come testimoni di identità plurali o -- per dirla con Canetti -- come «custodi delle metamorfosi»; dei labirinti delle lingue e culture -- ebraica, greca e latina -- che educano al linguaggio della diversità, che alla cultura lineare e impoverente dell'aut aut sostituiscono la cultura dell'et et, vale a dire della memoria e dell'inclusione. Un'eredità, questa, che ci rende da un lato più disincantati e più saldi, dall'altro più ricchi e più aperti di fronte ai nuovi interlocutori che già da diversi lustri caratterizzano la scena del mondo: la globalizzazione col suo profeta internet, e le culture altre rispetto a quelle di Roma, Gerusalemme e Atene. La necessità e la centralità del latino si impongono perché Roma e la sua lingua sono state per noi il tramite per conoscere Atene e Gerusalemme.
Forti del patrimonio della tradizione (e delle tradizioni), i classici contrastano coi conformismi del presente e con le mode del momento (modo). Di fronte all'imperante sincronia e dittatura del presente, proprio la lingua latina ci può soccorrere nel recupero di un valore primario e costitutivo dell'uomo: il valore del tempo: il suo ordo verborum si tende e ci lascia sospesi fino a quando il prima, il durante e il poi non si ricompongono. Occorrerà adoperarsi perché ci siano ancora e sempre grammatici in grado di capire e tramandare i testi classici a favore dei populi. E questa trasmissione, come ogni scienza, può nascere solo -- con un forte senso di responsabilità comunitaria -- dalla «lampadoforia», e non dalla «tremula fiaccola del singolo» (Bacone, De sapientia veterum).

(©L'Osservatore Romano 22 novembre 2012)

Titolo

IL NUOVO INNO DEL CAMPIONATO DI CALCIO DI SERIE A E' SCRITTO IN LATINO

Il compositore Giovanni Allevi ha musicato un testo in latino e in inglese ("O Generosa!") che sarà l'Inno ufficiale del prossimo campionato di calcio di serie A: verrà eseguito prima di ogni partita. Desta enorme soddisfazione il fatto che si sia ampiamente fatto ricorso alla lingua latina per veicolare nella forma più alta i valori sportivi. 

Dal punto di vista tecnico-musicale «O Generosa!» è una composizione polifonica per coro a quattro voci e orchestra, formalmente affine al Madrigale Italiano Cinquecentesco. Il suo incedere, a tratti declamato, a tratti contrappuntistico, ha lo scopo di esaltare il testo encomiastico delle nobili virtù sportive ed umane, per essere «campioni nella vita e nel cuore prima di tutto», come afferma lo stesso Allevi. I valori universali trattati si esprimono attraverso le due lingue internazionali per eccellenza, nel passato e nella contemporaneità, il latino, lingua madre del nostro Italiano, e l'inglese.

Il testo di «O Generosa!» è stato scritto integralmente dallo stesso Giovanni Allevi, che si è avvalso anche della supervisione del latinista Franco Sanna, membro della Sodalitas Latina Mediolanensis, docente del laboratorio di Multimedialità e Studi Letterari presso l'Università degli Studi di Milano. «Il Latino, lingua madre del nostro Italiano, per tanti secoli fu la lingua universale dell'Europa, e ancora oggi è vitale e perfetto per esprimere l'aspirazione a ideali alti, nobili e condivisi. - afferma Franco Sanna - Il registro linguistico del testo vuole essere lontano dall'imitazione dei classici e vicino alla sensibilità moderna.
   La parola Magnitudo subito fa pensare a una nuova virtù cardinale, la Magnitudo animi, adatta ai nostri tempi: abbiamo bisogno di ampiezza di vedute, di generosità, di alti obiettivi cui tendere, elevandoci sopra le ripetitive miserie della cronaca. Solo con l'onestà il vincitore potrà raggiungere una gioia inimmaginabile». 

     Presentiamo il testo nella sua interezza: 

O generosa magnitudo!
O generosa veni ad nos!
Victori gloria, cum honestate semper movetur cor eius. (2 v)

Victori gloria
Victori gloria
Victori gloria
Custodi animum tuum
ut a corruptione abstineat
necopitatum gaudium accipies
O generosa!

Gloria, I say to you, Alleluia!
winner you will be in your heart Gloria,
I say to you Alleluia!
winner you’ll be in your heart
always you’ll be.

 

Un "manifesto" studentesco a sostegno degli studi classici

 Il giovane Tommaso Alberini, recentemente diplomatosi al Liceo classico "Romagnosi" di Parma e attualmente studente di Scienze Politiche all'Università di Bologna, è una testa pensante.  Appassionato di politica, di economia, di tematiche relative al lavoro, di letteratura e di cinema,  nonché autore di blog incisivi e penetranti, in un articolo del 27 novembre 2014 - pubblicato anche sulla Gazzetta di Parma - Tommaso risponde a chi crede che la cultura classica sia inutile, assieme al sapere umanista, perché lontano da quanto richiede oggi il mercato. Ecco le sue parole, rivolte in particolare agli organizzatori del cosiddetto "Processo al Liceo classico" svoltosi il 14 dicembre al Teatro Carignano di Torino:


“Le motivazioni addotte dall’accusa, per lo più composta da finanzieri senza scrupolo, politici di bassa lega e imprenditori più pragmatici che pratici, sarebbe rivolta all’inconsistente professionalizzazione della cultura classica e umanistica, che nel liceo classico, ovviamente, è predominante.
Sì perché, pare, il sapere letterario, teatrale, artistico, filosofico, non troverebbe riscontro nelle odierne esigenze di mercato, ergo la formazione degli studenti in questi campi è inutile, e va soppressa.
Per questi signori, quindi, non importa se i futuri studenti italiani saranno privati della possibilità di imparare a pensare, a sviluppare una criticità di fondo verso tutto ciò che li circonda, non importa se saranno privati della possibilità di imparare ad imparare.
Non sono luoghi comuni, il liceo classico insegna davvero tutto questo. Io l’ho fatto, per fortuna, e voglio provare a riflettere su quello che mi hanno lasciato quei cinque fatidici anni.
Innanzitutto la meraviglia. La meraviglia nello scoprire che l’uomo di ieri è esattamente uguale all’uomo di oggi: con tutti i suoi pregi, i suoi difetti, le sue debolezze e le sue potenze, la sua arroganza e la sua umiltà, la sua capacità di creare e di distruggere, la sua paura per la morte e il suo terrore per la vita.
La meraviglia nello scoprire che la disperazione di Antigone, mitologica principessa di Tebe, nel far valere i propri diritti davanti a una legge ingiusta, è la stessa che proviamo noi che combattiamo ogni giorno contro le ingiustizie sociali, economiche, culturali. Ed è disarmante, ma ti rende consapevole che siamo stati destinati a combattere dal momento in cui i primi uomini comparvero sulla terra, e ti dà la forza di non demordere, perché sai che i diritti sono giusti, il mondo quasi mai.
La meraviglia nello scoprire che Orazio, celebre poeta latino, già sapeva e confessava ad un amico che viaggiare muta i cieli e i boschi che ti circondano, ma non il male che ti affligge dentro. E ti rinvigorisce perché insegna, a noi della “generazione erasmus”, che a volte partire è necessario, tornare è sempre bellissimo.
La meraviglia nello scoprire che la parola “Xènos”, in greco, fin dall’alba in cui Omero cantó il viaggio di Odisseo, è lo straniero ma anche l’ospite, sacro agli dei. E allora capisci che i profughi di oggi sono i nostri salvatori di domani, che lasciarli morire nel mare che fu “nostrum” è assurdo e, se questo non basta, contro il volere di Zeus.
Il liceo classico mi ha insegnato tutto questo, ma anche tanto altro: troppo per essere riassunto ragionevolmente nel post di un blog.
E chissà, nel tempo, quanti altri insegnamenti sepolti nella memoria scopriró di aver ricevuto. Il bello di aver fatto il classico è questo: non sai mai quando effettivamente potrà tornarti utile, ma quando succede tutti gli ingranaggi vanno al loro posto e il mondo si ricompone in quella storia infinita e assurda che è la vita e che per ore, nella tua cameretta, hai studiato.
L’hai studiata attraverso gli Omero, i Sofocle, gli Eraclito, i Polibio, i Luciano e, perché no, anche attraverso le favole all’apparenza tanto stupide di Esopo, gioia pura dei ginnasiali, certi che, se gli venisse presentata sul banco “Il corvo e la volpe”, arriverebbe un 8 facile facile.
Il liceo classico è una scuola di vita, non esagero: una scuola di sensibilità, una scuola di politica (in senso lato), una scuola di mondo.
E pazienza se lungo il percorso hai incontrato qualche maniaca dei verbi deponenti, troppo isterica per riuscire a capire la bellezza vera di quello che insegna.
E pazienza se ti è venuto il mal di schiena a furia di portare nello zaino 10 kg di dizionario, troppo pesante per quel 6 e mezzo che hai strappato alla versione.
Anni dopo, ripensandoci, accetti anche quello e pensi che, anzi, forse è stato meglio così, perché sai che prima di te i greci avevano capito che gioia e dolore si definiscono e completano a vicenda, che senza una fatica non c’è un piacere, e sei così grato di averlo imparato a scuola.
Anni dopo, ripensandoci, sorridi e pensi che sì, lo risceglieresti il liceo classico, a occhi chiusi.
Penso che le motivazioni elencate non siano poche, nè di poco conto: il liceo classico non deve morire, nè ora nè mai. Si può modificare, certo, migliorare, ma senza soffocarne il cuore pulsante, che è l’eredità degli antichi, i nostri avi, troppo saggi per essere defenestrati da un manipolo di gretti industriali e scaltri lupi della finanza.
Sopprimere il liceo classico sarebbe paragonabile a un parricidio, che a Roma veniva punito con la “pena del sacco”: il reo veniva cucito vivo in un sacco di cuoio, assieme ad un cane, una scimmia e una vipera, per poi essere gettato nelle acque del Tevere.
Immagino nessuno voglia fare questa orrenda fine, sbaglio?
Se è così, giù le mani dal liceo classico".

LA VERSIONE DI LATINO PUÒ DIVENTARE ESERCIZIO UTILE E MODERNO SE NON PUZZA DI NAFTALINA

di Alessandro Schiesaro, da Il Sole 24 Ore.

 

Serve ancora la versione di latino? Probabilmente è meglio non chiederlo ai diretti interessati, gli studenti che si cimentano durante l’anno nei compiti in classe su Cicerone, Seneca e Livio. A occhio, a giudicare cioè da aneddoti e battute, è lecito pensare che nessuna parte del percorso scolastico lasci in così tanti un ricordo tanto piacevole: e questo è un vero peccato. La traduzione infatti, serve, eccome. Intanto, è ovvio, lo studio di una lingua, morta o viva che sia poco importa, ha come scopo fondamentale quello di comprendere testi che in quella lingua sono scritti o parole che in essa sono pronunciate. Tradurre, a mente o su carta, è quindi l’atto fondante di quella conoscenza. La traduzione dal latino, e dal greco, ha però caratteristiche sue proprie: non è finalizzata alla comunicazione diretta, interpersonale; non sollecita all’acquisizione di una capacità espressiva autonoma, mimetica, specie ora che la traduzione dall’italiano è pressoché scomparsa. Queste specificità sono però la forza e il pregio della traduzione. In nessun altro caso si esorta a scavare con altrettanta meticolosità nei meandri di un testo, di coglierne le articolazioni sintattiche e le sfumature espressive, di soppesare la cifra stilistica di questa o quella parola. È un esercizio “lento” per natura: affrettarsi non serve a nulla, perché non ne va di mezzo l’immediatezza di un dialogo o la necessità di sopperire a esigenze pratiche. Forse basterebbero da sole queste peculiarità fuori moda della traduzione per raccomandarla come antidoto alla fretta e alla superficialità. Ma un libro recente curato da Luciano Canfora e Ugo Cardinale (Disegnare il futuro con intelligenza antica. L’insegnamento del latino e del greco antico in Italia e nel mondo, il Mulino 2012) offre spunti di riflessione molto più stimolanti. Sia Canfora sia Dario Antìseri, uno studioso di formazione ed interessi molto diversi, rivendicano per esempio il valore epistemologico dell’esercizio di traduzione, un esercizio che impegna a quella dialettica tra ipotesi e verifica, o tra intuizione e ricostruzione, che sono alla base del metodo scientifico moderno. Leggendo, anche ad una lettura preliminare e superficiale, si formano ipotesi di interpretazione che vanno messe alla prova delle conoscenze grammaticali, sintattiche e semantiche. L’ipotesi potrebbe rivelarsi insoddisfacente, e andrebbe quindi abbandonata e riformulata, oppure reggere alla verifica e raccomandarsi quindi come un punto fermo nel processo di comprensione. Non diverso, sappiamo, è il metodo dello scienziato, per quanto diversi possano essere i suoi strumenti. Troppo facile, però, limitarsi a criticare chi critica la traduzione. Per prima cosa non è chiaro se e quanto agli studenti si spieghi mai esplicitamente il valore dell’esercizio che sono chiamati ad affrontare, e che trascende di gran lunga la semplice finalità di accertarsi se abbiano imparato adeguatamente regole e vocabolario. E poi, la traduzione resta spesso soffusa di un’aura inutilmente arcaica, quasi irreale, creata dall’uso di quello che Federico Condello ha felicemente chiamato “traduttese”. Un italiano sui generis, fuori dal tempo, paludato, in cui “ragazzi” e “ragazze” sono quasi sempre “fanciulli” e “fanciulle”, dove i guerrieri sono “valenti” e verbi come “giovare” o “dolersi” compaiono con una frequenza impensabile nell’italiano scritto degli ultimi decenni. Un odore di naftalina, insomma, che finisce per oscurare un serio discorso sull’ermeneutica e sulla letteratura. “Le lettere latine non sono studiate né amate dai giovani e, in quanto a cognizioni di latino, si ha un notevole regresso da venticinque anni a questa parte”. Parole sicuramente ancora vere, ma datate 1867. Il senso del declino, come si vede, non è nuovo. Oggi, però, possiamo ripensare l’utilità di materie e pratiche che si vogliono a tutti i costi in disarmo in termini nuovi, e ribaltare assiomi che sembravano scolpiti nella pietra: la traduzione, volendolo, può diventare il più moderno (e utile) degli esercizi.

Il liceo senza latino non è un Liceo   (di Remo VIAZZI)


Leggo, con un po’ di scetticismo, l’articolo pubblicato oggi su il Secolo XIX intitolato: “Don Bosco, il liceo sportivo boccia latino e arte”. Che tristezza! Un liceo senza il latino? Che senso ha? Un latino senza la storia dell’arte? In Italia? Che senso ha? In verità la dicitura stessa è un contro-senso: il latino è il liceo e non è data la possibilità che esista un liceo laddove non si insegni (possibilmente con serietà) il latino. Dategli un altro nome, ma evitate di farvi ridere dietro.

Un anno di esperienza nella sezione “sportiva (nel senso deteriore del termine)” del Liceo Scientifico King mi è basata per convincermi di quello che già sapevo: non serve a nulla, non insegna nulla, è una mera operazione di marketing cui la scuola si sta troppo velocemente abituando, alla faccia di quelli che ce l’avevano con il modello di scuola – azienda che sembrava , a loro dire, propugnare la riforma Moratti.

Dietro a questi esperimenti non vi è alcuna vision, non si intravede nessun ragionamento di natura pedagogica, ma emerge lampante il semplice desiderio di offrire agli studenti una scuola dai toni edulcorati, poco impegnativa, banalmente attraente. Dico questo con cognizione di causa, perché ragionamenti analoghi si stanno facendo anche nel liceo in cui lavoro e non ho ancora sentito nessuno argomentare sulla base di convinzioni metodologiche e pedagogiche. In buona parte so che non le condividerei dal momento che la mia impostazione è quantomeno un po’ all’antica, datata, ma tanto non le sento, quindi non è il caso che me ne preoccupi.

“I ragazzi vogliono meno latino”: va bene! “Vogliono meno matematica”: va bene! “Vogliono il sabato libero dalla scuola”: va bene! “Vogliono meno compiti a casa”: va bene! Perché?  Mica perché si crede veramente che sia giusto, ma semplicemente perché è necessario aumentare il numero degli iscritti per non perdere posti di lavoro, non subire accorpamenti, avere più fondi… È così che si vuole migliorarela Scuola?

Insegno latino e greco con grande passione e altrettanta severità. Son un insegnante esigente, a volte “cattivo”, ma credo fermamente in quello che faccio e ottengo, dal punto di vista del profitto e dell’adesione ai miei metodi, risposte esaltanti da parte dei miei alunni e delle loro famiglie. Tra i miei studenti migliori ho spesso avuto anche degli sportivi, alcuni attualmente ai vertici delle loro discipline in campo mondiale, e sono d’accordo con l’assessore Rossi quando afferma che «… praticare attività sportive migliora la concentrazione e le facoltà cognitive…»: un’ottima ragione per non sottrarre questi ragazzi allo studio di una materia così formativa quale è il latino e una così importante per lo sviluppo interiore della persona quale è la storia dell’arte.

Semplificare le cose ai ragazzi non è il loro bene. La scuola deve continuare ad essere palestra e deve essere palestra di un mondo sempre più competitivo e spietato. Bisogna aiutarli, sostenerli, far comprendere loro che i risultati si ottengono attraverso lo sforzo, la fatica, la dedizione e che tutto questo è bello!

Se veramente si vuole premiare il merito questa è la strada che l’Italia deve prendere già a partire dalla scuola.

       fonte: http://www.removiazzi.it/

Senza il Latino non si dà Liceo

NON CHIUDETE IL LICEO CLASSICO

GRECO E LATINO, IL VALORE AGGIUNTO DELL’ITALIA
di Cinzia Bearzot, da Avvenire.

Abbiamo avuto modo, in questi mesi, di riflettere sull’attualità dell’antico e di domandarci se davvero il mondo dei Greci e dei Romani sia così lontano da noi e così privo di interesse per chi vive nell’oggi, come spesso si sente ripetere. Da un punto di vista politico, storico e ideologico, mi auguro, al momento di congedarci, di aver dimostrato che non è così: l’esperienza degli antichi, per quanto la si possa sentire vicina, non può ovviamente fornirci soluzioni immediate per il presente, ma può certamente offrire importanti elementi alla nostra riflessione. Nell’analogia dei problemi umani anche in situazioni storiche diverse, lucidamente messa in evidenza da Tucidide, sta in gran parte l’attualità dell’antico. Se poi proviamo a prescindere dalle ragioni di attualità che pure non è difficile riconoscere nell’esperienza degli antichi, dobbiamo comunque ammettere che essa, sul piano storico, letterario, artistico, ha enormemente influenzato la storia della cultura mondiale. Letteratura e arti figurative hanno attinto incessantemente al patrimonio classico: la perdita di contatto con l’antico conduce di conseguenza a una grave frattura culturale, che rischia di rendere incomprensibili i capolavori della letteratura e dell’arte prodotti nel corso della storia della cultura moderna (del resto, anche forme di espressione artistica e di comunicazione tipicamente moderne come il cinema e la pubblicità si sono ispirate all’antico con eccellenti risultati).
Ci si può domandare se la conoscenza delle lingue classiche sia davvero necessaria per mantenere il contatto con l’antico. A mio parere, la risposta è sì. Senza l’accesso diretto ai testi e la possibilità, almeno, di verificare una traduzione, non è possibile conoscere profondamente, e in modo critico, una civiltà. Non dobbiamo credere, del resto, che studiare il greco e il latino sia inutile. Siamo ormai quasi gli unici ad assicurare una formazione classica nella scuola superiore e i nostri giovani laureati hanno competenze linguistiche di greco e di latino tali da renderli molto competitivi all’estero. Ma anche qualora si riducesse lo studio delle lingue a percorsi specialistici, l’insegnamento della cultura classica dovrebbe, io credo, trovare comunque spazio nei programmi scolastici, per consentire a tutti di accedere a un patrimonio culturale che diventerebbe altrimenti incomprensibile ai più.
Approfitto di queste riflessioni sulla necessità di tutelare importanti contenuti culturali per una nota conclusiva che non riguarda tanto il mondo classico, quanto la cultura biblica e storico-religiosa. Stanno crescendo giovani generazioni che non frequentano la chiesa e non seguono l’insegnamento di religione a scuola: giovani, quindi, che non hanno alcuna opportunità di conoscere l’Antico e il Nuovo Testamento e il loro contributo culturale. Anche chi frequenta il catechismo e l’ora di religione non sempre riceve una formazione adeguata sul piano della cultura biblica. La secolarizzazione ha tagliato i tradizionali canali di formazione in campo biblico e storico-religioso senza proporre alternative. Forse molti, presi da malriposti entusiasmi laicisti, non sono consapevoli del fatto che anche in questo caso la conseguenza è una grave frattura culturale. La caduta delle conoscenze in ambito biblico vieterà la comprensione dell’arte sacra, figurativa e letteraria: da Giotto a Dante, da Leonardo agliInni sacri manzoniani. Non è solo il rapporto con l’antichità pagana a essere a rischio, ma anche quello con la tradizione giudaico-cristiana. È bene che tutti ci riflettano, laici compresi.

(26/07/2012)

IDEE PER RISCATTARE IL LICEO CLASSICO

SOS Liceo Classico: via la polvere e largo alle emozioni

di Laura Vaioli | del 10/10/2013 |

 

In seguito al crollo delle iscrizioni, per salvare il Liceo Classico dall’estinzione, ecco una proposta che viene dal mondo del marketing: far uscire dagli scaffali polverosi le emozioni immortali della letteratura classica e, senza impoverirne il valore, trasmetterle attraverso i social network.


Secondo i dati riportati dall'inchiesta svolta da L'Espresso, nel mese di agosto 2013, sembra che il Liceo classico sia una scuola a rischio di estinzione.
Con una percentuale di iscrizioni dimezzate rispetto al 2007 si parla di una quota di mercato del 6%. A Firenze lo storico Liceo Dante è passato da 80 iscrizioni a 38 iscrizioni (2013).

Quando mio figlio, alla fine della terza media, ha detto che non aveva tra i suoi amici neanche un ragazzo che sarebbe andato al Liceo Classico, dopo aver deglutito ho esclamato interiormente: “servirebbe un piano di marketing, perché evidentemente il valore di questa scuola non viene percepito”.

Partendo dall'assunto che il Liceo Classico è una scuola unica nel suo genere e che non esiste qualcuno che, dopo averla conclusa, si sia pentito di averla scelta, il punto non è tanto elogiarne il valore, quanto riuscire a comunicarne, a livello emotivo, il fascino e la grandezza.

I giovani adolescenti arrivano alla scelta della scuola superiore con più libertà rispetto a come facevamo noi, qualche generazione fa, vanno dove li porta il cuore. Magari verbalmente dichiarano che scelgono una scuola perché offre loro delle opportunità di lavoro, ma intimamente sanno che scelgono ciò che li fa vibrare e li appassiona “oggi”. L’adolescente per definizione si nutre del presente.
Non a caso, nell'era della massima globalizzazione e della comunicazione immediata, quello che maggiormente fa ruotare l’ago della bussola è un tripudio di lingue vive e vegete (inglese, spagnolo, cinese, ecc.), indicando il successo dei licei linguistici nelle varie declinazioni di forme e contaminazioni.

Come esperta di marketing ho avuto modo di occuparmi di molti mercati, e anche in questo caso, per quanto la spinta sia di tipo social-culturale piuttosto che commerciale, si può parlare di marketing.
Il Liceo Classico è un prodotto di grande valore che però viene posto ai piani alti di un metaforico scaffale ed esce dal campo visivo del cliente.
Anche quando il cliente lo vede il nostro prodotto non attira l'attenzione, perché la sua scatola è polverosa, ha colori sbiaditi e sembra fuori dal tempo. Viene scelto solo da appassionati del genere vintage, che nella fascia 13/14 anni sono sempre meno!

Ma sapete dove è il problema?
È che la scatola non racconta realmente il meraviglioso contenuto, perché i contenuti del mondo classico, da cui l'omonimo liceo acquisisce la sostanza, sono oggi più vivi che mai. La scatola non corrisponde al prodotto reale che contiene.

Purtroppo della polvere, delle pagine ingiallite e dell'odore di antico, questa scuola aveva fatto il proprio piano di comunicazione, che si è dimostrato valido fintanto che la famiglia riusciva a contenere le spinte emotive dei propri figli.

Noi apparteniamo alla generazione che “ha scelto” senza avere esperienza del mondo globale e confidando nella saggezza dei nostri consiglieri. Noi abbiamo iniziato quella scuola senza farci tante domande e abbiamo scoperto il colore grattando sotto la polvere.

Oggi, nell'era del gratta e vinci, l'immediato è diventato moneta di scambio.
Bisognerebbe che i colori della cultura classica uscissero dalle pagine dei libri, nella loro leggendarietà, nella loro ineguagliabile intensità, nella loro cristallina purezza, e che riuscissero a emozionare passando attraverso i social network.

Quella di oggi è la generazione del fare, del provare, del vedere e del toccare.
La cultura dovrebbe scendere dagli scaffali e senza perdere di consistenza e di valore potrebbe semplicemente dialogare con le persone, di tutte le età, giovani compresi. Dovrebbe stimolare la sensibilità e il desiderio, passando attraverso il fascino immortale dei propri miti.

Del resto Socrate non caldeggiava in ogni dialogo l'interazione tra le persone?
Come è potuto accadere che l’abbiamo rinchiuso nei libri, proprio lui che nemmeno voleva scriverli da tanto li trovava forvianti ai fini della conoscenza?

Il piano di marketing del Liceo Classico passa da Socrate. Passa dalla socialità, dal “modello” e dalla ricchezza di punti di vista.

Liberare le emozioni è l'unica possibilità che abbiamo per non impoverire la civiltà.

http://www.educationduepuntozero.it/didattica-e-apprendimento/sos-liceo-classico-via-polvere-largo-emozioni-4083815047.shtml

TIMORI PER IL LICEO CLASSICO

lunedì 26 agosto 2013   Dal Blog di Giorgio ISRAEL http://gisrael.blogspot.com.au/2013/08/perche-se-muore-il-liceo-classico-muore.html

Perché se muore il liceo classico muore il paese

Da un lato un boom di iscritti ai test d’ingresso al Politecnico di Milano e una propensione per le lauree di ingegneria o direttamente correlate a una professione definita; dall’altro, un declino delle iscrizioni ai licei, in particolar modo al liceo classico. Alcuni commenti salutano questi dati come espressione di una tendenza positiva verso la “laurea utile”, verso l’abbandono delle propensioni “generaliste”, verso una preparazione corrispondente alle figure richieste dalle aziende. A noi sembra invece che la valutazione vada divisa: ottima è la prima tendenza, perché la rivalutazione delle professioni ingegneristiche e tecnologiche anche a livello della formazione professionale, è essenziale per un paese in via di declino industriale; pessima è la seconda tendenza per motivi che dovrebbe essere superfluo dire. Come può un paese che possiede più della metà dei beni culturali, artistici, architettonici del mondo non preoccuparsi di coltivare un ceto di persone di altissima competenza capace di valorizzare quel patrimonio che, se non altro, ha un enorme potenziale economico? Si badi bene: non si tratta solo della necessità di formare un esercito di archeologi, di restauratori, di persone all’altezza di gestire musei e l’immenso, quando degradato e depredato, patrimonio librario del paese. Si tratta di non disperdere la memoria dell’identità storico-culturale italiana. Come è possibile pensare che il patrimonio culturale del paese possa essere preservato se quasi nessuno conosce più neanche i nomi degli architetti, dei pittori, dei letterati, degli scienziati che l’hanno costruito e finisce col considerarlo un irriconoscibile ciarpame? Il disprezzo dell’umanesimo (anche sul fronte della cultura scientifica!) è la via per il sicuro declino.
Ci potremmo fermare qui, ma c’è di peggio. A chi ha sempre difeso le assurde accuse di stampo idealistico alle scienze esatte non può piacere il disprezzo simmetrico per l’“altra cultura” tacciata di non fornire né conoscenze né saperi pratici, insomma di essere un cumulo di prodotti inutili e di chiacchiere di dubbio valore. La sciagurata diatriba tra le due culture danneggia entrambe. Nella furia di distinguerle, le scienze vengono separate dalla cultura e pensate come mere abilità pratiche, predicando che solo ciò che ha un’utilità diretta vale qualcosa. Non a caso stiamo perdendo il senso della parola “ricerca”, ormai sinonimo di “innovazione tecnologica”.
Invece, lo straordinario successo della scienza occidentale è stato fondare la tecnica sulla scienza, creando la “tecnologia”. Tutte le grandi scoperte scientifiche che hanno cambiato il volto del mondo – a partire dal computer digitale – sono frutto di idee teoriche, fondate sulla “scienza di base”. Un grande ingegnere come Leonardo da Vinci ammoniva: «Studia prima la scienza, e poi seguita la pratica, nata da essa scienza. Quelli che s’innamoran di pratica senza scienza son come ‘l nocchier ch’entra in navilio senza timone o bussola, che mai ha certezza dove si vada». Oggi questo è più vero di ieri. Giorni fa un illustre ingegnere osservava che nel contesto odierno, sempre più complesso e ricco di interrelazioni, servono persone di formazione vasta e aperta, in breve di formazione umanistica, che spesso solo il liceo classico può dare. L’innovazione tecnologica richiede una cultura vasta capace di attingere ai campi più disparati, altro che specializzazione. Mi ha profondamente colpito l’osservazione che ho sentito da diversi ingegneri che le automobili di oggi sono, in fondo, ancora “bricolage” del modello originario, mentre occorrerebbe ripensarne uno nuovo non soltanto in termini tecnici stretti, ma tenendo conto del senso del “trasporto” nella realtà economico-sociale di oggi. Come può farlo questo chi non sappia di economia, di sociologia, di storia? In un’università tecnologica francese mi raccontarono: «Un’importante ditta automobilistica ci chiede come migliorare una difficoltà di carburazione. Un ricercatore elabora un modello e conclude che occorre aumentare di tot millimetri il diametro di un tubo. Cosa di veramente nuovo può venire da questo?».
È comprensibile che le imprese abbiano fretta e desiderino un sistema dell’istruzione funzionale alle formazione di addetti. Ma ciò può portare solo al disastro. Nè vale produrre l’esempio di paesi che imboccano questa via: qui il mal comune non è mezzo gaudio. Tanto meno può esserlo in un paese che non solo possiede gran parte del patrimonio culturale e artistico mondiale, ma ha una grande tradizione: aver saputo sintetizzare con successo, dal periodo postunitario, visione umanistica, scientifica e tecnologica. Di tale sintesi è stata espressione l’ingegneria italiana, costellata di grandi personalità che non erano solo “pratici” di prim’ordine, ma scienziati e umanisti. Tale fu Luigi Cremona, matematico puro, fondatore della Scuola di Ingegneria e ministro dell’istruzione. Tale fu Francesco Brioschi. Tale fu Vilfredo Pareto ingegnere ferroviario, imprenditore, e grande teorico dell’economia e della sociologia. Scienziato umanista fu il creatore della plastica Giulio Natta (diplomato in un liceo classico). Questa è la tradizione cui riallacciarsi, invece di credere che sia un progresso distruggere la formazione umanistica classica, proprio mentre viene riscoperta in paesi privi delle nostre tradizioni.
Abbiamo bisogno di persone di ampia formazione e capaci di scelte autonome, e non di polli di batteria formati per una sola funzione che, col procedere tumultuoso della tecnologia, potrebbe diventare obsoleta nel giro di poco tempo. Per formare persone del genere serve anche il liceo classico. Chi gioisce per il suo declino ride mentre è segato il ramo su cui sta seduto.
(Il Mattino e Il Messaggero, 25 agosto 2013)

IL PRIMATO DEL LICEO CLASSICO

Da "La Stampa" del  23/03/2010 - DOSSIER
Scuole di qualità
Sempre in testa i licei classici

Alla base della classifica il successo dei diplomati all'università

 
Nell’ultima settimana utile per scegliere a quale scuola superiore iscrivere il proprio figlio, la ricerca realizzata per il secondo anno dalla Fondazione Giovanni Agnelli sulla qualità delle scuole superiori piemontesi a partire dal successo che i loro diplomati ottengono nel primo anno di studi universitari, offre più elementi di riflessione. L’analisi - illustrata in profondità alle pagine 44 e 45 -, come spiega Andrea Gavosto, direttore della Fondazione Agnelli, «si propone come un tassello del sistema di valutazione della scuola che si va costruendo in questi anni. I risultati che emergono rappresentano informazioni oggettive».

Così, una prima precisazione è d’obbligo. Dalla graduatoria - guidata da un istituto di istruzione superiore di Alba, l’Umberto I - sono usciti, rispetto al 2009, gli istituti professionali: il loro obiettivo formativo, infatti, è in primo luogo dotare gli studenti di strumenti utili per entrare nel mondo del lavoro. Poi, ricordare che la «graduatoria generale» utilizza i dati dell’Anagrafe Nazionale degli Studenti sul tasso di prosecuzione degli studi negli atenei piemontesi, numero di esami sostenuti al primo anno e velocità, ponderando le differenze tra i diversi corsi di laurea. Entrano poi in gioco elementi come genere degli studenti (le ragazze, si sa, studiano di più), talento scolastico espresso dal voto di maturità, condizioni socio-economiche del territorio e degli studenti.

Cosa si scopre, allora, scorrendo le 211 scuole piemontesi entrate nella graduatoria (requisito minimo di almeno 15 diplomati iscritti all’università) in cerca degli istituti della provincia di Torino? Che il classico Cavour è in testa, al 5° posto, che il secondo migliore (12°) istituto è in provincia, il Baldessano-Roccati di Carmagnola (preside Domenico Vanzetti, che nel 2009 guidava la classifica regionale con il liceo classico Arimondi di Savigliano). A seguire, altri due classici, il Gioberti (16°) e il D’Azeglio (22°). Il primo scientifico torinese è il Galileo Ferraris, guidato dalla preside Stefania Barsottini (25°). Al 27° e 28° posto altri due scientifici, rispettivamente il Curie di Pinerolo e il torinese Gobetti. Al 30° ancora un classico cittadino, l’Alfieri, seguito dal Newton di Chivasso (classico e scientifico). In 32a posizione si incontra il primo istituto non statale, il Maurilio Fossati di Rivoli, che quest’anno supera il più noto Valsalice (46°). Altre scuole torinesi in buone posizioni nell’elenco sono poi l’Itc Pascal di Giaveno (36°), il classico-scientifico-linguistico Monti di Chieri (37°), lo scientifico Galilei di Ciriè ((39°), l’ europeo Spinelli (41°).

Ma c’è un altro modo proposto dalla Fondazione Agnelli per leggere la «classifica» - che lo scorso anno non mancò di sollevare polemiche - e cioè prendere in considerazione il solo «effetto scuola», la qualità dell’insegnamento, l’organizzazione scolastica, la capacità di orientamento. Per i ricercatori questo è «uno dei fattori più importanti nella scelta di una scuola». In questo caso primo, al 5° posto, è l’Istituto tecnico commerciale e per geometri Galilei di Avigliana. «Noi cerchiamo di far star bene gli studenti - dice il professor Giovanni Barbaro, collaboratore della preside -, di vederli sereni. Proponiamo loro attività sportive, corsi di scacchi, di cinema: si fermano volentieri anche dopo l’orario e i risultati riflettono questa serenità». Nella «Top20» regionale altre scuole di provincia: ancora il Baldessano-Roccati al 6° posto, all’8° l’Itc Pascal di Giaveno, poi alcuni licei già segnalati e, al 12° posto, l’artistico torinese Cottini.  

Ridurre lo spazio dell'insegnamento del Greco antico in Grecia?

Pare incredibile, ma perfino in Grecia - culla della civiltà europea e Paese in cui da 3000 anni sopravvive, senza sostanziale soluzione di continuità, la lingua greca, c'è una parlamentare greca, Maria Repoussi (del partito Dimar) che sta proponendo al Parlamento di Atene di confinare lo studio del Greco antico nella sola scuola secondaria superiore, rendendolo per di più opzionale.

    Di Maria Repoussi si sa quel che recentemente ne ha detto in un intenso articolo sul "Foglio" (www.ilfoglio.it/soloqui/10422)  l'autorevole giornalista e scrittore Dimitris Deliolanes, corrispondente della Radio e TV ellenica ERT a Roma: "...la storica Maria Repoussi, un’oscura docente dell’Università di Atene, che qualche anno fa ebbe inspiegabilmente l’incarico di redigere il libro di testo (distribuito gratuitamente) per la prima media. Il risultato è stato un maldestro tentativo di riproporre il processo di acquisizione dell’identità nazionale greca secondo schemi europei occidentali (la nazione come prodotto delle monarchie nazionali) e di relativizzare il secolare antagonismo con l’islam ottomano. All’epoca il governo fu costretto a ritirare il libro, ma la sinistra ha difeso a spada tratta la storica pasticciona e tutte le baronie universitarie che la proteggevano".

     Anche noi possiamo unire le nostre forze a quelle dei tanti classicisti, in Grecia e in tutto il mondo, indignati per questa proposta, che prima di essere offensiva è innanzitutto stolta, perché se fosse approvata farebbe cadere la futura società greca in un baratro culturale e identitario ben peggiore di quello economico.  Basta collegarsi al seguente sito: www.gopetition.com/petitions/save-ancient-greek-language-in-secondary-school-curricula-of-greece.html e cliccare su "Sign the petition".

       "Classicisti di tutto il mondo, unitevi!"

Testo latino del discorso di abdicazione di Papa Benedetto XVI

Il Sacro Romano Pontefice Benedetto XVI abdica al suo Ministero. Annuncio dell'11 febbraio 2013.

 Fratres carissimi

Non solum propter tres canonizationes ad hoc Consistorium vos convocavi, sed etiam ut vobis decisionem magni momenti pro Ecclesiae vita communicem. Conscientia mea iterum atque iterum coram Deo explorata ad cognitionem certam perveni vires meas ingravescente aetate non iam aptas esse ad munus Petrinum aeque administrandum.

Bene conscius sum hoc munus secundum suam essentiam spiritualem non solum agendo et loquendo exsequi debere, sed non minus patiendo et orando. Attamen in mundo nostri temporis rapidis mutationibus subiecto et quaestionibus magni ponderis pro vita fidei perturbato ad navem Sancti Petri gubernandam et ad annuntiandum Evangelium etiam vigor quidam corporis et animae necessarius est, qui ultimis mensibus in me modo tali minuitur, ut incapacitatem meam ad ministerium mihi commissum bene administrandum agnoscere debeam. Quapropter bene conscius ponderis huius actus plena libertate declaro me ministerio Episcopi Romae, Successoris Sancti Petri, mihi per manus Cardinalium die 19 aprilis MMV commisso renuntiare ita ut a die 28 februarii MMXIII, hora 20, sedes Romae, sedes Sancti Petri vacet et Conclave ad eligendum novum Summum Pontificem ab his quibus competit convocandum esse.

Fratres carissimi, ex toto corde gratias ago vobis pro omni amore et labore, quo mecum pondus ministerii mei portastis et veniam peto pro omnibus defectibus meis. Nunc autem Sanctam Dei Ecclesiam curae Summi eius Pastoris, Domini nostri Iesu Christi confidimus sanctamque eius Matrem Mariam imploramus, ut patribus Cardinalibus in eligendo novo Summo Pontifice materna sua bonitate assistat. Quod ad me attinet etiam in futuro vita orationi dedicata Sanctae Ecclesiae Dei toto ex corde servire velim.

Ex Aedibus Vaticanis, die 10 mensis februarii MMXIII

TRADUZIONE IN ITALIANO

Carissimi Fratelli,

vi ho convocati a questo Concistoro non solo per le tre canonizzazioni, ma anche per comunicarvi una decisione di grande importanza per la vita della Chiesa. Dopo aver ripetutamente esaminato la mia coscienza davanti a Dio, sono pervenuto alla certezza che le mie forze, per l’età avanzata, non sono più adatte per esercitare in modo adeguato il ministero petrino. Sono ben consapevole che questo ministero, per la sua essenza spirituale, deve essere compiuto non solo con le opere e con le parole, ma non meno soffrendo e pregando. Tuttavia, nel mondo di oggi, soggetto a rapidi mutamenti e agitato da questioni di grande rilevanza per la vita della fede, per governare la barca di san Pietro e annunciare il Vangelo, è necessario anche il vigore sia del corpo, sia dell’animo, vigore che, negli ultimi mesi, in me è diminuito in modo tale da dover riconoscere la mia incapacità di amministrare bene il ministero a me affidato.

Per questo, ben consapevole della gravità di questo atto, con piena libertà, dichiaro di rinunciare al ministero di Vescovo di Roma, Successore di San Pietro, a me affidato per mano dei Cardinali il 19 aprile 2005, in modo che, dal 28 febbraio 2013, alle ore 20, la sede di Roma, la sede di San Pietro, sarà vacante e dovrà essere convocato, da coloro a cui compete, il Conclave per l’elezione del nuovo Sommo Pontefice.

Carissimi Fratelli, vi ringrazio di vero cuore per tutto l’amore e il lavoro con cui avete portato con me il peso del mio ministero, e chiedo perdono per tutti i miei difetti. Ora, affidiamo la Santa Chiesa alla cura del suo Sommo Pastore, Nostro Signore Gesù Cristo, e imploriamo la sua santa Madre Maria, affinché assista con la sua bontà materna i Padri Cardinali nell’eleggere il nuovo Sommo Pontefice. Per quanto mi riguarda, anche in futuro, vorrò servire di tutto cuore, con una vita dedicata alla preghiera, la Santa Chiesa di Dio.

Qual è il significato dell'educazione

Scritto da Jiddu Krishnamurti


17 gennaio 2011

Vi siete mai chiesti quale sia il senso dell’educazione? Perché andiamo a scuola, perché impariamo varie materie, perché facciamo esami e gareggiamo fra di noi per avere i voti migliori? Qua’è il significato della cosiddetta educazione, qual è la sua vera funzione? Si tratta di un interrogativo realmente importante, non solo per gli studenti, ma anche per i genitori, per gli insegnanti e per chiunque ami questo nostro pianeta. Perché affrontiamo la lotta che il ricevere un’educazione comporta? È semplicemente allo scopo di superare qualche esame e trovare lavoro? Oppure la funzione dell’educazione è di prepararci, quando siamo giovani, a comprendere il processo della vita nella sua interezza? Avere un lavoro e guadagnarsi da vivere è necessario — ma è davvero tutto lì? E solo per quello che veniamo educati? Di certo la vita non è fatta soltanto di un lavoro, di un’occupazione. La vita è qualcosa di straordinariamente ampio e profondo, è un grande mistero, un vasto regno in cui agiamo in quanto esseri umani. Se ci prepariamo semplicemente a guadagnarci da vivere, non riusciremo a cogliere il senso della vita; e comprendere la vita è molto più importante che prepararsi per un esame o ottenere ottimi risultati in matematica, fisica e così via.
Dunque, in quanto insegnanti o allievi, non è importante domandarci perché educhiamo o veniamo educati? E qual è il significato della vita? Non è forse la vita una cosa straordinaria? Gli uccelli, i fiori, gli alberi in fiore, il ciclo, le stelle, i fiumi e i pesci che ci vivono — tutto questo è vita. La vita sono i poveri e i ricchi; la vita è la perenne battaglia fra gruppi, razze e nazioni; la vita è meditazione; la vita è ciò che chiamiamo religione, ed è anche gli aspetti inafferrabili, nascosti, della mente — le invidie, le ambizioni, le passioni, le paure, le gratificazioni, le angosce. La vita è tutto questo e molto di più. Ma di solito ci prepariamo a comprenderne solo una piccola porzione. Superiamo certi esami, troviamo un lavoro, ci sposiamo, abbiamo dei figli, e diventiamo sempre più simili a macchine. Continuiamo a essere paurosi, ansiosi, spaventati dalla vita. E allora, la funzione dell’educazione è di aiutarci a comprendere l’intero processo della vita o semplicemente di prepararci a una professione, al miglior lavoro possibile?
Cosa ne sarà di tutti noi quando diventeremo uomini e donne adulti? Vi siete mai chiesti cosa farete quando sarete adulti? Con ogni probabilità vi sposerete e, prima ancora di render-vene conto, sarete madri e padri; a quel punto sarete legati a un lavoro, o alle incombenze domestiche, e così, poco a poco, appassirete.
È tutto qui quello che la vostra vita si avvia a essere? Ve lo siete mai chiesto? Non dovreste interrogarvi a questo proposito? Se la vostra famiglia è agiata, può darsi che abbiate già assicurata una posizione abbastanza buona, che vostro padre vi procuri un lavoro comodo o che facciate un matrimonio ricco; ma anche così andrete incontro al declino, al deterioramento.
Certamente l’educazione non ha senso a meno che non vi aiuti a comprendere la vastità della vita in tutte le sue sfumature, con la sua straordinaria bellezza, i suoi dolori e le sue gioie. Potete avere lauree e titoli accademici, e trovare un ottimo lavoro; e poi? A che serve tutto questo se strada facendo la vostra mente si offusca, si logora, si instupidisce? Non dovreste cercare di scoprire il senso della vita adesso che siete giovani? E non è forse quella la vera funzione dell’educazione, ossia di coltivare in voi l’intelligenza che cercherà di trovare la risposta a tutti questi problemi? Sapete cos’è l’intelligenza? È la capacità di pensare liberamente, senza paure, senza formule, che ci permette di cominciare a scoprire autonomamente ciò che è reale, ciò che è vero; ma se siete spaventati, non sarete mai intelligenti.
Se siete spaventati, non sarete mai intelligenti.
Qualunque forma di ambizione, spirituale o terrena, alimenta l’ansia, la paura; ecco perché l’ambizione non aiuta a far sviluppare una mente che sia chiara, semplice, diretta, e quindi intelligente.
Sapete, è molto importante, quando si è giovani, vivere in un ambiente dove non alligni la paura. Andando avanti con gli anni, la maggior parte di noi diventa sempre più timorosa: abbiamo paura di vivere, paura di perdere il lavoro, paura della tradizione, paura di ciò che i vicini o il proprio coniuge diranno, paura della morte- La maggior parte di noi ha paura, in una forma o nell’altra; e dove è presente la paura, non c’è intelligenza.
E non è forse possibile per tutti, da giovani, vivere in un ambiente dove non si respiri la paura, bensì la libertà — libertà non di fare ciò che si vuole, ma di comprendere il processo del vivere nella sua interezza? La vita e in realtà bellissima, non è quella brutta cosa a cui noi l’abbiamo ridotta; e se ne può apprezzare la ricchezza, la profondità, la straordinaria bellezza solo quando ci si ribella contro tutto — contro la religione organizzata, contro la tradizione, contro il marcio della società attuale — scoprendo autonomamente, in quanto singoli esseri umani, ciò che è vero.
Non imitazione, ma scoperta: questa è l’educazione.

 

PERPLESSITA' SULLA "PRIMA" DELL'EDIPO TIRANNO A GENOVA

Ho assistito ieri sera alla “prima” genovese dell’Edipo tiranno, andata in scena venerdì 9 novembre al Teatro della Corte per la regia di Marco Sciaccaluga. Pubblico importante, volti noti, moltissimi studenti con i loro docenti. Tutti in attesa fiduciosa e grata di vedere rappresentata quella che, da Aristotele in poi, è stata definita la più perfetta delle tragedie greche. All’indomani dello spettacolo, permane nella mente e nel cuore un retrogusto amaro. Non tanto, ovviamente, per la sconvolgente esperienza di Edipo, che ci scava e ci interroga nel profondo sin dal tempo dei nostri primi studi al Liceo, sommuovendo cielo e terra in un intreccio cosmico di errore, verità e dolore; ma per la delusione di aver assistito a una pièce nata vecchia, impropria e inadeguata rispetto alle altezze vertiginose del capolavoro sofocleo. E’ stata scelta la traduzione di Edoardo Sanguineti. Decisione nobile, in astratto, quella di rendere omaggio al grande poeta e critico genovese, di cui personalmente mi vanto di essere stato allievo devoto. Spirito geniale e dissacrante, sin dal tempo dell’antologia dei Novissimi e della neoavanguardia del “Gruppo 63”. Ma correva il 1980 quando Sanguineti produsse il suo Edipo Tiranno, in una versione provocatoria, giustamente irritante, uno schiaffo in faccia alla normalità espressiva e politica che teneva avvitata l’Italia. Era l’anno d’incubazione del Pentapartito (DC, PSI, PLI, PRI, PSDI), l’anno della strage di Bologna, del PCI di Berlinguer, dell’inizio delle trasmissioni di Canale 5 e del “Nome della Rosa” di Umberto Eco. Riproporre oggi, dopo 32 anni, quel testo irto di contorsioni pronominali e deserto di congiuntivi mi è parsa, nel concreto, un’offesa sia all’intelligenza degli spettatori sia addirittura allo spirito ribelle sanguinetiano, che sapeva come l’avanguardia sia l’antitesi dell’arte museale, e vada usata come lanciafiamme nell’ora e nel tempo richiesti. Ebbene, ieri sera ho percepito a livello linguistico la tristezza dell’anacronismo. L’uomo - e la storia in cui egli brancola - sono pur sempre palus putredinis (“Laborintus” 1956), ma gli strumenti per raccontarla devono essere diversi, nel 2012, e attingere, innanzitutto, alla severità della parola classica e ai canoni fondamentali del linguaggio tragico. La scenografia mi ha lasciato non meno perplesso. Non me ne sfuggono, certamente, i risvolti simbolici e filosofici, ma ne respingo le finalità regressive, metamorfiche all’indietro, che tramutano ben presto la terribile vicenda di Edipo e della sua stirpe nel fallito tentativo di una comunità di primati antropomorfi, o di primitivi delle caverne, di emergere alla luce di una superiore forma di umanità. Voglio dire precisamente che la scena rappresenta un paesaggio cavernicolo che può evocare sia la preistoria sia un’area zoologica per scimmie di grosse dimensioni: non a caso la scabra collinetta è sormontata da ramificazioni spoglie, simili a quelle su cui si baloccano i macachi. La solennità della tragedia viene in tal modo completamente tradita. Il sipario si apre e si chiude su un paesaggio da Isola dei Famosi, ove i protagonisti si muovono rozzamente intrecciando le loro storie: nessuna traccia di regalità e di altezza. Chiaro che in tal modo anche la catastrofe risulta sminuita, quasi annullata, derubricata a incidente biologico, per quanto sciagurato. Altra osservazione: pare che la scena sia stata semplicemente traslata da un altro palcoscenico in cui si reciti Aspettando Godot. Semplicemente e puramente. Niente rocca cadmea, niente mura di palazzi, niente trono reale, nessun abito che distingua la regina dall’ancella, la principessa dalla serva. Solo il paesaggio nudo, scabro, abiotico di una Tebe resa invivibile dalla maledizione che vi grava, equiparata evidentemente a un deserto esistenziale in cui chi si aspetta non arriva, perché non esiste. Ma Sofocle è un autore profondamente religioso. Lo spessore della divinità qui è assente – o presente solo nominalmente. Manca anche il respiro della città, la voce vibrante dei vecchi di Tebe. Ridurre il Coro alla sola presenza del pur efficacissimo Eros Pagni (il migliore in assoluto) significa amputare la tragedia di un suo elemento centrale e fondamentalissimo. Appare coerente (in negativo), a questo punto, la riduzione dei personaggi regali a un livello popolaresco, sia in termini gestuali che tonali ed espressivi: lo stonato stile sanguinetiano (con tutti i pregi storici che gli vanno riconosciuti) non ha risuonato, come poteva essere, straniante e remoto, ma è parso adeguarsi anch’esso alla mediocrità dei personaggi, come un registro espressivo approssimativo e faticoso in bocca a dei semplici. Paradossalmente, il merito maggiore va, tra gli attori, ai comprimari (a parte l’ottimo Eros Pagni), cioè a coloro il cui ruolo umile si è trovato spontaneamente in piena consonanza con il milieu di questa versione dell’”Edipo tiranno”: in primis i convincenti “Servo di Laio” e “Messaggero di Corinto”, rispettivamente Roberto Alighieri e Massimo Cagnina. Persino Tiresia risulta sfasato, più simile a un moderno Mago Otelma che non all’austero, infallibile profeta cieco che tiene testa ai sovrani con la sua arte divinatoria. Certamente sarebbe ingiusto e falso non riconoscere dei meriti a questa fatica di Sciaccaluga; ma rimane più forte l’impressione che, alla resa dei conti, sia stata la grandezza assoluta di Sofocle, più che i meriti della regia e degli attori, a salvare lo spettacolo, cui è mancato, in ultima analisi, il coraggio della vera novità intrecciata al rispetto dei valori tragici. La bella presenza in teatro di Sergio Cofferati – giovane sindacalista più che trentenne quando Sanguineti traduceva Sofocle – mi ha dato l’evidenza plastica di una pièce con l’orologio fermo a quella data.

                                                                                        Andrea Del Ponte

VICE VERSA. OPINIONE POSITIVA DI UNA STUDENTESSA LICEALE

   Edipo Tiranno non è una tragedia greca; depennatelo dai libri, raschiatelo via dai cartelloni, dalle locandine, estirpatelo dal vostro giardino botanico di nozioni formulari. E’ un’atavica pittura rupestre, un linguaggio pre-verbale di una civiltà non ancora coagulata, che coniuga il suo alfabeto di impulsi sempre al perfetto gnomico. Nella regia di Marco Sciaccaluga tutto è sentenza, a partire dalla scenografia (di Jean-Marc Stehlé e Catherine Rankl): un pingue albero della vita klimtiano le cui radici penzolano come corde di impiccati sopra ad una caverna misteriosa e misterica, dentro cui i personaggi entrano a turno in un rito di iniziazione perpetuo, dal quale non escono trasfigurati e sublimati, ma sacrificati al dubbio. Le coordinate metodologiche del regista orbitano attorno ad un imperativo assoluto: espellere la grecità. Edipo (Nicola Pannelli) annusa ferinamente il palcoscenico, si scontra con una natura marcescente, sgranocchiata e masticata dalla peste come gli abitanti di Tebe, istallati sulla scena in un macabro presepe silente, con Orietta Notari al centro, come una Madonna esiziale che culla un cartoccio di cenci. Edipo pretende la conoscenza, la invoca con i singhiozzi acidi di un Gong, ma quando la verità si libera dalla gola dell’indovino Tiresia (Federico Vanni) –più simile a Bukowski che ad un veggente ellenico- la ripudia con sdegno. Lui, il τύραννος liberale, l’uomo che è stato in grado di decriptare l’indovinello della Sfinge salvando i suoi concittadini, non può essere la metastasi cancerosa della città. Lo sgocciolare degli eventi successivi invece comporrà la pozzanghera limacciosa della sua colpa, ed Edipo, per non specchiarvi il suo volto di parricida e consorte incestuoso della madre, si caverà gli occhi, cucendo le palpebre su un mondo in cui la colpa è vivere.
   La recitazione di Federica Granata (Giocasta) è magistrale: rende il suo corpo una palude di umori (la Palus Putredinis sanguinetiana) nella quale Edipo si immerge per berne il coraggio termale. Il suo corpo da Sibilla cumana, da maga Circe imbruttita dall’incesto diventa il “tiranno estetico” della scena. Il Coro (assemblato a collage nella monolitica figura di Eros Pagni) segue le direttive registiche di Marco Sciaccaluga di “non essere fastoso, né saggio” giacché la voce è quella dei contadini, un silenzio degli innocenti amplificato da microfoni intestini. Non si impone con la macchinosa sontuosità tragico-alfieriana che ci aspetteremmo, ma come un pastore in balia dei giochi di colpe della nemesi aristocratica.
   Di fronte all’Edipo Tiranno, il pubblico genovese si trova nelle stesse condizioni di una platea greca resa onnisciente dal prologo; la storia è conosciuta, essendo divenuta ormai una citazione popolare quasi favolistica (anche attraverso il riconoscimento di pulsioni edipiche comuni al genere umano, retaggio della psicanalisi freudiana). E forse proprio per questo la fruizione è più complessa, a causa della nostra mentalità romanzesca avvezza ad un processo archeologico di scoperta progressiva dell’intreccio. Emblematico per suffragare la mia tesi è stato il colloquio origliato, alla fine dell’intervallo, dalle voci albagiose di due ingioiellate signore, che hanno squittito sentenziose: “Dai, torniamo dentro a vedere quando si acceca”, calpestando nel contempo i rimasugli delle loro sigarette e le scorie delle sinapsi narcotizzate dall’ozio. Invece, non essendoci una trama giallistica con un finale a sorpresa, l’attenzione avrebbe potuto e dovuto concedersi il lusso di sminuzzare i dettagli scenografici e testuali. A partire dall’ossimoro dell’anemica ma sanguigna traduzione di Edoardo Sanguineti. Il suo testo è un crogiolo di infiniti narrativi, riduce la grammatica ad una sentenza sacrale, quasi monosillabica, elidendo il superfluo, il guscio teatrale barocco e pretenzioso cui gli allestimenti moderni ci hanno abituati. Sottopone l’opera ad una dieta sintattica, e proprio tra le ossa di quel corpo anoressico riusciamo ad intravedere il nocciolo primigenio dell’uomo. Come disse il grande poeta genovese in un’intervista del 2010 a Fabio Garetta: “Sapere bene come scrivere male, che agli occhi della gente può apparire come una mancanza di stile, di eleganza, è un modo di cercare di dire la verità”.
   Gli attori sembrano quasi imparare a parlare sul palcoscenico, scoprendo una lingua interiore obliata dalle sovrastrutture contemporanee. E proprio in quegli organi dimenticati si annida il tumore della ὕβρις, di un peccato originale preesistente rispetto a quello dell’Eva biblica, inciso sui cromosomi della specie come un tatuaggio atavico. L’interrogativo morale permane sulla pelle delle generazioni umane come una cicatrice angosciante: se l’innocenza è una colpa, la colpa può essere innocente?

                                           Chiara Portesine
                             (III liceo classico “A.D’Oria” di Genova)
 

BENEDETTO XVI ISTITUISCE LA PONTIFICIA ACCADEMIA DI LATINITA'

10 novembre 2012 SANTA SEDE 

     Con una lettera apostolica in forma di 'motu proprio', Benedetto XVI ha istituito la Pontificia Accademia della Latinità. Al tempo stesso il Papa ha dichiarato estinta la fondazione 'Latinitas' che fu istituita nel 1976 da Paolo VI. "La lingua latina - sottolinea nella sua lettera apostolica Joseph Ratzinger - è sempre stata tenuta in altissima considerazione dalla Chiesa Cattolica e dai Romani Pontefici, i quali ne hanno assiduamente promosso la conoscenza e la diffusione, avendone fatto la propria lingua, capace di trasmettere universalmente il messaggio del Vangelo, come già autorevolmente affermato dalla Costituzione Apostolica Veterum Sapientia del mio predecessore, il beato Giovanni XXIII. In realtà, sin dalla Pentecoste, la Chiesa ha parlato e ha pregato in tutte le lingue degli uomini". Tuttavia, "le comunità cristiane dei primi secoli usarono ampiamente il greco e il latino, lingue di comunicazione universale del mondo in cui vivevano, grazie alle quali la novità della Parola di Cristo incontrava l'eredità della cultura ellenistico-romana. Dopo la scomparsa dell'Impero Romano d'Occidente, la Chiesa di Roma non solo continuò ad avvalersi della lingua latina, ma se ne fece in certo modo custode e promotrice, sia in ambito teologico e liturgico, sia in quello della formazione e della trasmissione del sapere". Anche ai nostri tempi, osserva ancora il Papa nella sua lettera apostolica, "la conoscenza della lingua e della cultura latina risulta quanto mai necessaria per lo studio delle fonti a cui attingono, tra le altre, numerose discipline ecclesiastiche quali, ad esempio, la Teologia, la Liturgia, la Patristica ed il Diritto Canonico, come insegna il Concilio Ecumenico Vaticano II". Inoltre, in latino "sono redatti, proprio per evidenziare l'indole universale della Chiesa, i libri liturgici del Rito romano, i più importanti documenti del Magistero pontificio e gli atti ufficiali più solenni dei Romani Pontefici". Tuttavia, "nella cultura contemporanea si nota, nel contesto di un generalizzato affievolimento degli studi umanistici, il pericolo di una conoscenza sempre più superficiale della lingua latina, riscontrabile anche nell'ambito degli studi filosofici e teologici dei futuri sacerdoti". Appare perciò "urgente sostenere l'impegno per una maggiore conoscenza e un più competente uso della lingua latina, tanto nell'ambito ecclesiale, quanto nel più vasto mondo della cultura". È proprio per "dare rilievo e risonanza a tale sforzo" e "valorizzare il ricco e multiforme patrimonio della civiltà latina" che viene istituita la Pontificia Accademia di Latinità, dipendente dal Pontificio Consiglio della Cultura, retta da un presidente coadiuvato da un segretario nominati dal Papa e da un Consiglio Accademico. Primo presidente dell'Accademia è stato nominato Ivano Dionigi, rettore dell'università di Bologna.

 

 

Gli studenti di un liceo austriaco e di un altro del Liechtenstein sostengono l’esame di latino in Vaticano potendo consultare per telefono vescovi e cardinali


ANDREA TORNIELLI
Città del Vaticano
 

 

Un esame di latino piuttosto particolare, quello che gli studenti di due licei verranno a sostenere domani in Vaticano potendosi avvalere di uno strumento solitamente bandito da qualsiasi esame: il telefono cellulare. La curiosa notizia è stata messa in pagina questo pomeriggio da «L’Osservatore Romano». La prova pubblica, intitolata con chiaro riferimento natalizio «Puer natus est» vedrà impegnati gli studenti del liceo privato austriaco «Sacré Coeur Bregenz» e del liceo «Formatio» del Liechtenstein. L’esame di terrà al Museo gregoriano profano dei Musei Vaticani.

 

Gli studenti, individualmente o in coppia, svolgeranno l’esame di latino, che sarà diviso in due parti. Dovranno innanzitutto tradurre testi liturgici sul tema del Natale. Quindi successivamente dovranno rispondere a domande sulla Chiesa. La notizia che ha dell’incredibile riguarda l’uso del cellulare, ammesso e anzi praticamente obbligatorio. Nel corso della prova, infatti, gli studenti alle prese con le domande sulla Chiesa potranno avvalersi «di uno speciale aiuto chiamando, via telefonino, alte personalità in Vaticano, in Austria e in altri Paesi».

 

«L’Osservatore Romano» fa qualche nome: «Ricordiamo il cardinale Giovanni Lajolo, presidente emerito del Governatorato, il vescovo Josef Clemens, segretario del Pontificio Consiglio per i Laici, monsignor Waldemar Turek, della Segreteria di Stato, e Flaminia Giovanelli, sottosegretario del Pontificio Consiglio della Giustizia e della Pace. E dal canto loro anche i suggeritori potranno rivolgere domande ai ragazzi sul Natale e sulla Chiesa cattolica».

 

Insomma, agli studenti, oltre che essere consentito l’uso del telefonino, saranno forniti anche i numeri di telefono di vescovi e cardinali pronti ad aiutarli. «Lo scopo di questo examen publicum Vaticanum – si legge nel quotidiano della Santa Sede – è quello di riconoscere e valorizzare sia il ruolo storico della lingua latina nello sviluppo delle lingue europee, sia il ruolo della Chiesa cattolica nella preservazione della lingua latina. Contestualmente, mediante questa pubblica iniziativa, si intende promuovere l’insegnamento del latino nei licei, e la comprensione della messa in latino da parte di tutti i fedeli».

 

Anche se in realtà quasi più nessuno Oltretevere è in grado di parlarla correntemente, la lingua latina per il Vaticano non è morta. Un apposito ufficio della Santa Sede continua ad aggiornare il lessico, componendo neologismi che gli antichi romani e gli antichi cristiani non conoscevano, per poter tradurre le encicliche e i documenti papali.

 

È accaduto anche per l’enciclica sociale di Benedetto XVI, Caritas in veritate, pubblicata nel luglio di due anni fa, che nella sua versione latina ha presentato più di una difficoltà ai traduttori, alle prese con i vocaboli riguardanti la crisi economica e la globalizzazione. Così delocalizzazione è stato tradotto «delocalizatio», mentre liberalizzazione è diventata «plenior libertatis». La disoccupazione è «operis vacatio», la sotto-occupazione «operis subvacatio» e la denatalità «natorum imminuitio».

 

Con «fontes alterius generis» si è sono rese le fonti alternative, mentre le risorse energetiche non rinnovabili sono diventate «fontes energiae qui non renovantur». Tra i termini più usati c'è globalizatio (globalizzazione), parola che non esiste nel latino classico ma che è costruita su globus.

L'armosta Monti

    Le opinioni negative circa il governo Monti recentemente espresse dal prof. Scialfa sulle colonne del Secolo XIX sono ampiamente condivisibili. Quale classicista e uomo di scuola vorrei corroborarle con altre considerazioni.
   Non c’è dubbio che la costruzione dell'Unione Europea, soggiogata dal Moloch della moneta e della finanza, ha gravemente tradito gli ideali che l'ispirarono. A questo proposito, impressionante è rileggere, a distanza di 71 anni, quel Manifesto di Ventotene che ne fu, si può dire, all'origine. Vi si dice fra l'altro che le forze economiche non debbono dominare gli uomini, ma — come avviene per le forze naturali — essere da loro sottomesse, guidate, controllate nel modo più razionale, affinché le grandi masse non ne siano vittime. E Altiero Spinelli, con Ernesto Rossi e Eugenio Colorni, paventava, nel caso di una vittoria finale della Germania nazista, una rinnovata divisione dell'umanità in Spartiati ed Iloti.  Esattamente quanto sta succedendo ai nostri giorni, in cui si accetta supinamente che nobili nazioni europee afflitte da difficolta' economiche siano spregiativamente definiti "maiali" (PIGS) dai portavoce del potere finanziario, e che i loro popoli gemano sotto il peso di incomprensibili guerre tra i potenti dei mercati. Tra di esse, la Grecia e l'Italia, a cui pure l'Europa è debitrice (propriamente!) delle altissime forme di civiltà, arte e progresso che ancora la caratterizzano. Ma ogni giorno, sulla stampa degli Spartiati del Nord Europa, si stillano parole di disprezzo per gli Iloti del Sud, sulla base di un giudizio meramente materialistico, economico.
     Di più e di peggio: già Platone nella Repubblica avvertiva che il predominio dell'homo oeconomicus porta direttamente all'oligarchia dei gruppi di potere dominanti. E anche noi stiamo assistendo a un pauroso rarefarsi della democrazia, a tutti i livelli, in quanto quegli stessi gruppi di potere stanno facendo passare l'idea che si tratti di una forma di governo dannosa, perché poco garante di competenza e di efficienza sul piano economico!  Ebbene, quando Sparta, abbattuta con le armi la libera Atene, prese a sostituire ovunque le vinte democrazie con delle oligarchie, inviava nelle poleis dei propri uomini, detti "armosti", con il compito di formare governi amici non eletti. Francamente, non vedo molta differenza tra gli armosti e il personaggio di Monti, tecnocrate con enormi ruoli di potere nei massimi centri finanziari mondiali, collocato a Roma senza mandato popolare, su pressione della Troika, per governare l'Italia secondo le indicazioni e nell'interesse della Troika stessa, non certo degli Italiani; così come parallelamente nel novembre 2011 fu installato ad Atene Papademos, uomo dell'alta finanza caro a Bruxelles. E anche quando scocca necessariamente l'ora delle elezioni (ieri in Grecia e in Spagna, domani in Italia), tale è l'impatto intimidatorio e terroristico dell'alta finanza e dei suoi fiancheggiatori sulle drammatiche conseguenze di un voto "sbagliato",  che i popoli - per ora - si piegano alle indicazioni delle oligarchie.
    Ultima considerazione: il più evidente e clamoroso segno dell'eclissi della democrazia è l'invisibilità e l'incomprensibile linguaggio di chi attualmente ci domina e ci controlla, da oscure stanze del potere. Nessuno, tra i comuni cittadini, comprende i tecnicismi dei quotidiani bollettini di guerra economica né le ragioni né gli attori della guerra stessa. Un nemico invisibile ci sottrae beni, gioia e sicurezza.
    La situazione è ben descritta da due vicende, una immaginaria e una reale.
   Platone, sempre nella Repubblica, racconta la storia dell'anello di Gige: un anello che, a girarlo nel dito, rendeva invisibile chi lo portava. Gige, un povero pastore, quando lo trovò e ne capì le proprietà, sfruttò l'occasione per compiere le più nefande azioni senza essere visto, sino a prendere tutto il potere dello Stato.
  Seconda vicenda:  a fine '700 il filosofo e giurista Jeremy Bentham inventò il Panoptikon ("che fa vedere tutto"), un edificio semicircolare fatto in modo che un unico osservatore al centro ne possa controllare gli abitanti, i quali non possono né vedere lui né vedersi fra loro, con la conseguenza della sensazione opprimente di una totale nudità e impotenza sotto gli occhi del guardiano. Ne derivava l'abitudine a una totale e disciplinata sottomissione. Per inciso, il Panoptikon era un carcere di massima sicurezza.
   Ecco dove stanno a mio parere i nodi del problema. La cui soluzione sta nell'abbattimento contemporaneo non solo del governo Monti, ma di tutti gli armosti europei, profittando del fatto che oggi, grazie ai social network e alla rapidità dei  mezzi di comunicazione, i muri immaginati da Bentham per impedire ai carcerati di parlarsi non sono più possibili.

          L'IMPORTANZA DEL GRECO E DEL LATINO NELLA FORMAZIONE CULTURALE DEI GIOVANI
   

Telìos omologò, "Perfettamente d'accordo" -  come dicono oggi i Greci - sulla linea di grande apprezzamento del politismòs classico che ormai giungono da più parti anche sulla stampa nazionale.

   E comincio a ragionare sul mio apprezzamento: l'aggettivo tèleios significa "perfetto" perché è etimologicamente legato al sostantivo telos, che indica il "compimento", il "termine". D'altra parte, l'italiano "perfetto", sia come aggettivo che come sostantivo (il tempo verbale) deriva dal latino per-ficio, che significa "compiere un'azione fino in fondo", con quel prefisso per- di valore completivo e resultativo che fa sì che nel sistema verbale latino si distingua fra "tempi dell'infectum" (dell'azione non compiuta: “bevevo”) e "tempi del perfectum" (dell'azione compiuta: “avevo bevuto”). Noto come il greco sappia essere una lingua ancora più sintetica del latino, in quanto per esprimere lo stesso concetto di "perfezione" usa unicamente una radice (tel-) anziché il sostegno del preverbo. E' chiaro che il greco ha saputo condensare gran parte delle idee umane in entità linguistiche minime ma di massima penetrazione, dal perenne valore archetipico.
      E proprio mentre sto scrivendo (tempo dell’infectum !) mi accorgo che sto continuamente attingendo a quel pozzo delle meraviglie che sono le lingue classiche: arche-tipico… “Arché” è l’inizio, il principio. En arché  Dio creò i cieli e la terra (Genesi). En arché c’era il Logos, e il Logos era presso Dio, e il Logos era Dio (Vangelo di Giovanni). E per dire “antichi” il greco ha almeno due parole: archàioi e palaiòi. Con una differenza sostanziale, però, legata proprio a arché. Gli archàioi sono i padri fondatori, gli iniziatori della stirpe e della civiltà, coloro che hanno acceso la prima scintilla di quella fiaccola che è diventata tradizione; i palaiòi invece sono semplicemente gli uomini del passato, in senso temporale.
    E la fantasia mi fa correre al Paleozoico, finito 250 milioni di anni fa. Ma accidenti, ho dovuto usare la parola zoè, “vita”, che mi ha fatto pensare tante volte a quanto sarebbe bello l’antiquato nome Zoe, se si pensasse alla sua origine. Oggi c’è però chi l’ha ingentilito secondo la pronuncia moderna: Zoì. E mi torna in mente il memorabile incipit del romanzo “Un uomo” di Oriana Fallaci: “Un ruggito di dolore e di rabbia si alzava sulla città, e rintronava incessante, ossessivo, spazzando qualsiasi altro suono, scandendo la grande menzogna. Zi, zi, zi ! Vive, vive, vive! Un ruggito che non aveva nulla di umano…” E’ il racconto dei funerali di Alekos Panagulis, simbolo della resistenza al regime autoritario dei Colonnelli, morto in circostanze oscure nel 1976.
   Morto…come lo diremo? Si fa presto a dire “morto”. Thanòn, ovvero un puro numero nel calcolo dei morti e dei vivi? O tethnekòs, che fa sentire la permanenza della sua memoria tra i viventi? O magari teteleutekòs, simile al nostro “defunto”(dal latino de-functus), nel senso che ha compiuto sino alla fine (de-) la sua missione su questa terra? O invece usiamo il più poetico koimethèis, alla lettera “dormiente”, in stretta connessione con “cimitero”, koimetèrion, alla lettera “dormitorio”? E se penso che il verbo koimào, oltre a “dormire”, significa anche “unirsi carnalmente”, arrivo a quel binomio Amore-Morte che è una delle principali chiavi di lettura delle letterature di tutti i tempi. E devo fermarmi, per non diventare come
   
    Ecco: il greco e il latino sono due bacchette magiche che consentono di narrare senza fine la storia del mondo e quella personale, in un intreccio spazio-temporale che è quello dell’umanità. Ma l’incantesimo non scocca se si è avari di tempo e di fatica, se seppellisci sottoterra il talento che hai ricevuto invece di farlo fruttare, se ti limiti a scorrere elenchi di parole o leggi gli autori in traduzione. Non capisci la fantastica architettura del fiocco di neve se lo schiacci fra le dita o lo fai sciogliere sulla lingua, invece di esaminare la diversità di ciascuno al microscopio. I ragazzi italiani del Ginnasio-Liceo classico hanno ancora la fortuna straordinaria di poter esercitare le loro menti sulla sintassi ricca ed elaborata di Cicerone e di Platone, di poterli leggere nella loro lingua originale: viva, vivissima. Chi ne dubita, rifletta ad esempio sul fatto che la famigerata e attualissima parola spread (in inglese to spread = “diffondersi”, “disperdersi”) viene dritta dritta dal greco, precisamente dalla radice sper- / spor- / spr- , che è la stessa del sostantivo dià-spora : la sorte che toccherà a noi europei se non ci affrettiamo a reimparare a produrre ricchezza e potenza tornando a coltivare il bello e il buono, l’ars e la sophìa.

                                                    Andrea Del Ponte
                             Vicepresidente del Centrum Latinitatis Europae
                                              

            SEGNALO UN'INTERESSANTE INIZIATIVA DI UN GRUPPO DI LATINISTI TEDESCHI : UNA "SETTIMANA LATINA" A FRISINGA (Freising, vicino a Monaco di Baviera) i primi giorni di settembre.

 

Robertus Fautoribus Latinitatis Salutem Plurimam

Septimanae Latinae nostrae appropinquant. Restant aliquot dies, quibus inscriptionem pro Septimana Latina accipi dixeramus. Hoc anno, ut iam scitis, duae fient, et Amoeneburgi apud Marburgum et Frisingae prope Monachum in Germania. Cum Septimana Latina Amoeneburgensis iam omnino plena sit, Frisingae adhuc nonnullos participes accipere possumus. Omnes ergo ii, qui desiderant Septimanae Latinae interesse, se proximis diebus inscribant oportet. Etiam Frisingae vero loci liberi iam pauci sunt. Si plura comperire voletis, adite paginam nostram interretialem, quae est haec:     www.septimanalatina.org


Optime valete!
- - - - - - - - - - - - - - - -
Dear Friends of Latin,
our European Latin Weeks come closer and there are only a few days left before the official deadline for enroling. As you know there will be two of them this year, one at Amoeneburg near Marburg and the other at Freising near Munich / Germany. The Amoeneburg Latin Week is already full but we are still able to accept some registrations for our Freising Latin Week. All of you who want to participate in a Latin Week have to register soon but even at Freising there is only a limited number of places left. If you want to know more please have a look at our web page:

http://www.septimanalatina.org
Best regards
Robertus Maier

             Pubblico un interessante articolo di  "Hampsichora Sardus" comparso il 27 giugno 2012 sulla pagina Facebook del gruppo "Latinists of the European Union Unite".

De trapezocratia

 

Dum in Europae circis folle certatur, aliud certamen merito civibus ineundum est: certamen decoris ad versus trapezocratiam. Graecia in exitiali discrimine economico versante, Hispaniae moderatoribus per parsimoniam impositam rem oeconomicam recreare conantibus, cum in Lusitania, "pensis optime domesticis perfectis", cives in dies pauperiores reperiantur, cum non pauci ex Italis in summa angustia nummaria esse in dies audiantur, universarum nationum cives follem in utramque circi partem eiectum desidiose per nonaginta minutas spectant, ceteris curis neglectis. Cui accedendum est quod Foederatarum Nationum Americae Septemtrionalis praesidens queratur de discrimine economico apud Europeos cum ipse hoc crimine insimulandus sit. Obama putat nunc suos cives affici discrimine quod ex Europa oritur. Aristoteles iure aiebat ad cuiusve rei exitus intelligendos, rei ipsam originem perquirendam esse; ergo ubi, quando, quo pacto a discrimine oeconomico nos vorari coepti sumus? Nisi fallor, si fides tribuenda est nuntiis actorum diurnorum, tribus saltem annis discrimen apud F.N.A.S. cives incipit exardescere cum illi, domui emendi causa, aes alienum fecerunt cum pecuniam creditam solvere non possent. Estne probi et intelligentis hominis grande aes alienum conflare cum solvendo non sit? Minime. Estne tamen vestra sententia magis sons civis in hunc errorem raptus an lex quae hoc sinit? Ut puto, lex et cuncti qui eam tulerint. Ergo ipsa lex insimulanda, quippe quae his moribus cives assuefecit. Agitur de modo vivendi quo aere alieno demersum esse nullo civi dedecori est...quoad iugulari coeptus sit. Hac vitae ratione cives in America utuntur, auctoribus argentariis quae sibi magnos quaestus proponunt. Curatores nummularii bene vias pecuniae noverunt! Leges sinunt argentarias magnas pecunias facere, pecunia a civibus miras per artes extorquenda. Postea, cum illius nationis cives in summa difficultate nummaria versari coeperunt, eidem Europae fidem moliti sunt. Ergo praestringendo a F.N.A.S. gubernatoribus ratio huius discriminis oeconomici mundani reposcenda est. Licentia illa insimulanda, quam verbis Graecis usurpatis trapezocratiam nuncupare possumus.

 

Lo strapotere delle banche.

Mentre negli stadi d'Europa si gioca a pallone è un'altra la partita che giustamente i cittadini dovrebbero combattere, quella per la dignità e contro lo strapotere delle banche. Mentre la Grecia si trova in una terribile crisi economica, in Spagna i politici tentano con l'austerità di ridare fiato all'economia, in Portogallo, fatti per bene i "compiti a casa", le persone si scoprono di giorno in giorno più povere, e non pochi Italiani si trovano in gravissime ristrettezze economiche, i cittadini di tutte le nazioni, messe da parte le preoccupazioni, guardano pigramente per novanta minuti il pallone scagliato in entrambe le direzioni del campo. A ciò c'è da aggiungere che il presidente degli U.S.A. si lamenta della crisi economica europea quando invece è lui a dover essere accusato di questa colpa. Egli ritiene che i suoi cittadini soffrono la crisi che a sua volta proviene dall'Europa. Aristotele diceva che per poter capire le conseguenze di qualsiasi cosa bisogna indagarne l'origine; ebbene dove, quando, come abbiamo iniziato a farci divorare dalla crisi? Se non mi sbaglio e se bisogna ancora credere ai giornali, la crisi economica è divampata almeno da tre anni tra i cittadini degli U.S.A. quando essi hanno contratto dei debiti per l'acquisto della casa pur non essendo in grado di onorarli. Ebbene è da onesta e acuta persona imbarcarsi in pesantissimi debiti quando non si è in grado di restituirli? Certo che no. E' tuttavia secondo voi più responsabile chi viene indotto a compiere quest'errore o le leggi che lo consentono? Per come la vedo, ad essere colpevole è la legge e tutti quelli che l'hanno proposta. Ordunque è proprio la legge a dover essere trascinata sul banco degli imputati in quanto che è essa ad aver abituato i cittadini a un determinato stile di vita. Mi riferisco a uno stile di vita in base al quale per nessun cittadino non è disdicevole essere sommerso dai debiti fino a quando non si inizia ad essere strangolati. Ed è questo lo stile di vita che hanno in America, sulla scia delle banche che si prefiggono di fare lauti guadagni. Gli agenti bancari sanno come fare soldi! E sono le leggi a permettere che le banche facciano enormi profitti estorcendo il denaro alla gente. Successivamente, quando i cittadini di quel paese (U.S.A.) hanno iniziato a trovarsi in gravi difficoltà economiche, sempre loro hanno intaccato il sistema creditizio europeo. Sintetizzando dunque è ai governanti degli U.S.A. che bisogna chieder conto della crisi globale. E ad essere accusata deve essere quel famigerato eccesso di libertà che con parole greche possiamo chiamare trapezocrazia.

"Non finire come la Grecia" ?!

           Il 13 giugno Filippomaria Pontani, professore di filologia classica all'Università Ca' Foscari di Venezia, ha pubblicato sul quotidiano online "Il Post" un lungo, bellissimo articolo sulle angosciose prospettive politiche e economiche che gravano sul futuro della Grecia, in attesa dell'esito delle imminenti elezioni politiche. Il Pontani, in una continua tramatura tra passato e presente, ci restituisce un'immagine autentica e rispettosa della nazione greca, indignato - come me - dei continui, rozzi appelli dei tecnocrati italiani ed europei a "non finire come la Grecia".

       Pubblico l'incipit del vibrante intervento del professor Pontani (figlio dell'illustre grecista Filippo Maria Pontani, finissimo traduttore dei lirici greci e dei più noti poeti neoellenici), seguito dal link che rinvia al resto dell'articolo.

    Mi preme ringraziare il prof. Enea Eros Barone - neo vicepresidente della Sede operativa del CLE - per avermi tempestivamente segnalato questo scritto.

In greco, a volte, le parole fanno miracoli. Quella più gettonata, e temuta, è di questi tempi il sostantivo refstòtita, derivato dal verbo reo, “scorrere”, che generazioni di ginnasiali hanno coniugato come paradigma del presente indicativo dei contratti: refstòtita è un perfetto bisenso che indica sia la “volatilità” dell’elettorato, sfuggente come una saponetta sotto gli usurati guantoni dei sondaggisti, sia la “liquidità” del contante che disperatamente manca alle casse dei cittadini e dello Stato. È sullo scheletro di questo bisenso che vorrei impostare le impressioni che seguono, tratte da un viaggio breve ma intenso nell’Ellade perduta, sospesa tra le elezioni del 6 maggio e quelle incombenti del 17 giugno: chi avrà la pazienza di leggere potrà saggiare da sé le analogie che legano i problemi qui descritti alla situazione del nostro Paese – in rispettoso omaggio a chi insiste da mesi sul fatto che «noi non siamo la Grecia»... > vai al link che segue

http://www.ilpost.it/2012/06/09/pontani-grecia/#comments

             Pubblico un recentissimo intervento, tradotto dal neogreco, del prof. Gheorghios Pavlakos, autorevole membro dell' ODEG ("Associazione per la diffusione della lingua greca", www.odeg.gr), scrittore, autore di testi per la scuola. Si tratta di acute riflessioni sul modo in cui possiamo trarre dall'antica letteratura greca degli insegnamenti fondamentali da tradurre in azione nel nostro presente.

 

  In queste ore critiche è molto importante che gettiamo uno sguardo sul Libro dei Greci, cioè sui poemi omerici, e che traiamo insegnamento, sia pure all’ultimo momento, dallo spirito dell’Odissea. Ovvero: manteniamo il nostro sangue freddo, verifichiamo di avere i nostri senso svegli e le nostre antenne attive, e non lasciamoci trascinare dall’ira e dal furore che ci possiede, così da diventare preda dei Proci contemporanei.
   Quando Odisseo arriva a Itaca, il suo più grande desiderio è quello di riprendere il suo mondo, il mondo che gli hanno rubato. A dispetto del suo ardente desiderio, mantiene l’anonimato e, trasformato in mendicante dalla dea Atena, va nella reggia così da verificare la situazione e da ricevere le informazioni che vuole, sopportando pazientemente le offese e gli scherni dei Proci. Perché quel che gli interessa è il conseguimento dell’obiettivo e non la sterile contrapposizione. Anche per questa ragione è il prediletto della dea Atena, la dea che rappresenta l’intelligenza di Zeus, la Sapienza, la strategia del pensiero e della guerra; della dea che studia il nemico e lo combatte con le sue stesse armi.
   Ma quando giunge il momento in cui li ha tutti messi alle strette, disarmati, raccolti in un’unica sala, mentre lui è completamente armato, allora manifesta la sua collera. E non mostra pietà, perché il suo mondo è la sua vita, e lui se l’è costruito con il suo sudore, è la sua Patria, che i Proci hanno saccheggiato facendone mercato, anche per colpa dell’ospitalità della sua famiglia, che onorava Zeus Ospitale.
   Il suo avversario più forte è ANTI-NOO. Il suo nome parla da solo. E l’Anti-Intelligenza (nous), è quello che a noi fanno ora, è il sistema col quale confondono lo stato delle cose e la realtà, cosicché non riflettiamo più in modo limpido e loro ci criticano. E’ il pericolo più grande, che causa l’assoggettamento e la schiavitù dell’uomo.
   Dopo di lui c’è EURI-MACO. E’ colui che combatte (màchetai) con ogni sistema, con ampiezza (èuros), con ogni mezzo, il combattente astuto e privo di scrupoli.
   E poi ANFI-NOMO! Colui che distorce la legge (nomos) e l’ordine delle cose, colui che è pericoloso perché è così e nel contempo diverso (“amphì”).
    E poi AGE-LAO! Colui che eccita il popolo, che lo attira con l’aiuto di Antinoo; che lo trasforma in gregge condotto dove lui vuole.
   Nessun nome nei poemi omerici è dato a caso! Nascondono profondissimi significati e tocca a noi svelarli e farci insegnare da loro, o meglio farci ragionare.
   I nostri antenati parlano, i nostri antenati ci dicono che cosa fare, ci dicono come combattere, di dicono come scuoterci di dosso il giogo. Basta, diamo loro ascolto! E’ Antinoo l’obiettivo del primo colpo mortale di Odisseo. E’ lui che deve morire per primo. Per questo, alla larga dalla propaganda dei mass media! E lo ammazza scagliandogli la freccia nella gola, l’organo della parola, cioè lo strumento di comunicazione che usa contro l’intelligenza degli uomini!

                                                                                                         GHEORGHIOS  PAVLAKOS
 

Latino, la difesa viene d’Oltralpe

dal quotidiano L’Avvenire, 12 giugno 2012

«Non imparare il latino significa disimparare le lingue moderne; organizzare la sparizione degli studi che permettevano di mantenere un buon legame della lingua e cultura latina nei ragazzi europei, vuol dire organizzare la cancellazione della lingua e della cultura europee». Il j’accuse arriva d’Oltralpe e da nomi prestigiosi, accademici e letterati che vedono nell’allontanamento della lingua dei romani dai curriculum scolastici un imbarbarimento che sta impoverendo la cultura e la scuola. L’emergenza è ormai decennale: due "big" dell’intellighenzia europea come il matematico Laurent Lafforgue e l’oncologo Lucien Israël nel 2000 avevano pubblicato un articolo su Le Monde chiedendo «il latino obbligatorio negli studi letterari europei».

E invece… Invece capita, in Francia, che l’idioma di Cicerone sia scomparso dall’iter universitario di lettere moderne. E addirittura che nell’impervio esame dell’aggregation per l’insegnamento delle materie letterarie il candidato possa scegliere tra latino e greco. In alternativa. Anche da noi la situazione non è rosea: in molti licei scientifici gli studenti si vantano di non dover spremere le meningi su Tacito o Cesare. Un’emergenza che ha spinto in questi giorni l’autorevolissima rivista dei gesuiti Civiltà cattolica a ritenere «opportuno che nella scuola italiana si continui a educare gli studenti alle lingue classiche (greco e latino), senza le quali sarebbe superficiale l’accesso alla necessaria conoscenza del patrimonio della cultura dell’Occidente». Infatti, denuncia padre Giandomenico Mucci sul quindicinale della Compagnia di Gesù, «l’opzionalità dello studio delle lingue classiche nei licei dispone alla scomparsa del greco e del latino nella scuola italiana». Ma ora qualcuno sta provando a raddrizzare la situazione. Ci tenta, dal 2008, l’Associazione per il latino nelle letterature europee (Alle), promossa da alcuni docenti parigini (www.sitealle.com).

Organizzatori, a oggi, di 18 conferenze con altrettanti specialisti (diritto, scienze sociali, teologia, vita della Chiesa, poesia…) chiamati a raccolta per rinverdire il contatto tra il latino e il nostro parlare, scrivere e pensare contemporaneo. Personalità come il filosofo Rémi Brague, il poeta Yves Bonnefoy, lo storico del pensiero Pierre Manent. Obiettivo? Fare in modo che «ogni lingua sia suscettibile di mantenere un’esperienza e una sensibilità umana singolare, in modo da non parlare tutti la stessa lingua, un globish adattato ai bisogni mondializzati».

Lo scrivono Cécilia Suzzoni e Hubert Aupetit nell’introduzione a Sans le latin… (Mille et une nuits), la raccolta delle conferenze promosse dall’Alle, da poco nelle librerie transalpine (qui pubblichiamo stralci degli interventi di alcuni dei personaggi citati). Insomma, vi è chi si oppone a quei «professori che hanno preso l’abitudine di insegnare un latino light e a quegli esaminatori che ormai danno il voto ai compiti in classe con un semplice cool».

Una situazione riscontrabile in varie zone del Vecchio Continente: «È legittimo e ragionevole che la scuola assicuri la salvaguardia del latino invece di allinearsi all’ideologia post-grammaticale del "simpatico", del cool che viene distillato ogni sera ad nauseam dalle serie televisive e dai talk show». In epoca di globalizzazione va riscoperta quella che il filosofo Gottfried Wilhelm Leibniz definiva la lingua durabilis in aeternitatem e che ha permesso «l’espandersi di una cultura intellettuale e di un’identità letteraria senza frontiere». Infatti, «senza questo substrato comune» rappresentato dal latino, sostengono gli agguerriti "prof pro-latino", «i grandi luoghi e nomi della letteratura europea, Petrarca, Dante, Montaigne, Shakespeare, Cervantes, vengono minacciati dall’incomprensione». Come raddrizzare la barra? Dalla Francia arriva un allarme: «Gli studi letterari sono stati per decenni sottomessi a protocolli molto pericolosi perché in mano a epigoni zelanti, imperfettamente informati, delle rivoluzioni delle teorie letterarie.

Crisi aggravata dall’inflazione metodologica, dal marketing incontrollabile, dalla moltiplicazione dei compendi». E nella Chiesa il latino gode (ancora) di intoccabile stima? La risposta sembra negativa se si dà ascolto a monsignor Waldemar Turek, addetto alle lettere latine in Segreteria di Stato: «Vi sono ragioni per essere seriamente preoccupati per il futuro di questa lingua, che fino a oggi ha permesso di conservare un tesoro di incomparabile valore umano e dottrinale. Si ha l’impressione che la tendenza generale sia di ridurre l’uso del latino nella Chiesa, dove un numero sempre minore di religiosi e laici riesce a utilizzare il sermo latinus>. Di fatto l’editio typica dei documenti (come le encicliche, ndr) rappresenta sempre più raramente la base di studio per la riflessione teologica».

ECCO IL TESTO, NELLA VERSIONE ORIGINALE TEDESCA E IN TRADUZIONE ITALIANA, DELLA POTENTE POESIA CIVILE SCRITTA NEL MAGGIO 2012  DA  Günter Grass PER FAR SALIRE LA VOCE DI PROTESTA CONTRO L'ASSERVIMENTO DELLA CULLA DEL PENSIERO OCCIDENTALE DA PARTE DELL'OTTUSA AVIDITA' DEI MERCATI FINANZIARI.

                   Europas Schande

         Ein Gedicht von Günter Grass (Mai 2012)

Dem Chaos nah, weil dem Markt nicht gerecht,
bist fern Du dem Land, das die Wiege Dir lieh.

Was mit der Seele gesucht, gefunden Dir galt,
wird abgetan nun, unter Schrottwert taxiert.

Als Schuldner nackt an den Pranger gestellt, leidet ein Land,
dem Dank zu schulden Dir Redensart war.

Zur Armut verurteiltes Land, dessen Reichtum
gepflegt Museen schmückt: von Dir gehütete Beute.

Die mit der Waffen Gewalt das inselgesegnete Land
heimgesucht, trugen zur Uniform Hölderlin im Tornister.

Kaum noch geduldetes Land, dessen Obristen von Dir
einst als Bündnispartner geduldet wurden.

Rechtloses Land, dem der Rechthaber Macht
den Gürtel enger und enger schnallt.

Dir trotzend trägt Antigone Schwarz und landesweit
kleidet Trauer das Volk, dessen Gast Du gewesen.

Außer Landes jedoch hat dem Krösus verwandtes Gefolge
alles, was gülden glänzt gehortet in Deinen Tresoren.

Sauf endlich, sauf! schreien der Kommissare Claqueure,
doch zornig gibt Sokrates Dir den Becher randvoll zurück.

Verfluchen im Chor, was eigen Dir ist, werden die Götter,
deren Olymp zu enteignen Dein Wille verlangt.

Geistlos verkümmern wirst Du ohne das Land,
dessen Geist Dich, Europa, erdachte.

  ______________________________

                     Traduzione in italiano                          

                    IGNOMINIA D’EUROPA

Prossima al caos, perché non all’altezza dei mercati,
lontana sei dalla terra che a te prestò la culla.

Quello che, con l’anima hai cercato e consideravi tuo retaggio,
ora viene tolto di mezzo, alla stregua di un rottame.

Messo nudo alla gogna come debitore, soffre un Paese
al quale dover riconoscenza era per te luogo comune.

Paese condannato alla miseria, la cui ricchezza,
ben curata, orna i musei: preda che tu sorvegli.

Coloro che, in divisa, con la violenza delle armi funestarono il Paese
ebbro d’isole, tenevano Hölderlin nello zaino.

Paese a stento tollerato, di cui un tempo tollerasti
i colonnelli in veste di alleati.

Paese privo di diritti, al quale un potere che i diritti impone,
stringe sempre più la cintola.

Sfidandoti, veste di nero Antigone e dovunque lutto
ammanta il popolo di cui tu fosti ospite.

Eppure fuori dai confini il codazzo dei seguaci di Creso
ha ammassato tutto ciò che d’oro luccica nelle tue casseforti.

Trangugia infine, butta giù! gridano i claqueur dei Commissari,
ma Socrate ti restituisce irato il calice colmo fino all’orlo.

Malediranno in coro gli Dei ciò che possiedi,
quando il tuo volere esige di spossessare il loro Olimpo.

Priva di spirito deperirai senza il Paese
il cui spirito, Europa, ti ha inventata.

______________________________

  Versione in greco moderno : vai sul sito seguente:

      http://alkioni.blogspot.it/2012/05/blog-post_27.html

                     

                  

                                              GINNASIO – LICEO         

       

Con quanta rapidità ci siamo convertiti alla silenziosa eutanasia del nobile e antico termine “ginnasio”! Eppure molti di noi in gioventù sono stati “ginnasiali” e per lunghi anni di carriera, fino all’anno scorso, hanno insegnato “al ginnasio”.      Dovremmo avere tutti maturato un forte e profondo legame affettivo, prima ancora che culturale, con questa parola che, a partire dalla Legge Casati (1859), ha sempre designato in Italia il biennio della scuola superiore a indirizzo classico (come noto, nel 1940 la legge Bottai istituì poi la scuola media unica, rinominando le prime tre classi ginnasiali: ma sono sopravvissute fino al 2010 le anacronistiche definizioni di IV e V ginnasio). Alle soglie dell’unità d’Italia Casati aveva voluto infatti dotare il Paese di un sistema scolastico che potesse aspirare alla grandezza di quello tedesco, che da secoli vantava un Gymnasium in cui si studiava il greco e che aveva forgiato generazioni di uomini colti e preparati. Tuttora in Austria e in Germania il Gymnasium è una realtà vivissima che offre ai ragazzi dagli 11 ai 18 anni la miglior preparazione possibile, orientata al proseguimento degli studi a livello accademico.      Lasciare per strada il termine “ginnasio”, come se fosse un’appendice vecchia e inutile, è un errore. Non si tratta certo di una questione puramente nominalistica, quasi si trattasse di un pennacchio superfluo. La potenza evocativa che emana è antichissima e intensa. Il gymnasion era uno dei grandi simboli della civiltà greca: un crocevia di esperienze in cui l’attività fisica dei giovani s’intrecciava al dialogo con gli adulti su tutte le discipline più formative, in preparazione alla vita da cittadini. Similmente, il “ginnasio” modernamente inteso è una palestra educativa e conoscitiva in cui con fatica di esercizio, impegno mnemonico, attenzione e costanza, il “ginnasiale” si prepara a spiccare il volo  intellettuale, nel Liceo che lo attende, a diretto contatto con gli autori e con il pensiero umanistico e scientifico. E “classico” è il Liceo in quanto sa trasmettere valori esemplari, paradigmatici, perennemente validi, “classici” appunto.    Si dirà: ma i tempi cambiano, è giunta l’ora di mettere in soffitta certe anticaglie, di guardar oltre. Anzi, proprio il Governo, con la riforma Gelmini, ha rivisto e aggiornato i vecchi licei, istituendone sei – diversi ovviamente nel nome e nei contenuti – ma tutti uguali quanto alla durata: quinquennali, dal primo al quinto liceo.  E quindi, anche nel Classico, si entra in prima e si esce in quinta.     Invece no: il D.P.R. n. 89 del 15 marzo 2010, a firma Napolitano, decreta che il primo biennio “mantiene la denominazione di ginnasio”. Lo puoi leggere in allegato. Per fortuna, la legge difende il liceo classico, almeno formalmente, dall’omologazione agli altri licei, sottolineandone l’innegabile peculiarità di carattere storico, culturale, formativo.    Alcuni Licei classici italiani hanno frettolosamente liquidato la denominazione di “Ginnasio”, altri – per buona sorte la maggioranza - continuano invece a fregiarsene. Credo che dobbiamo a tutti i nostri studenti che hanno scelto la difficile strada degli studi umanistici l’onore di poter continuare a dirsi “ginnasiali” (di prima e seconda) e “liceali” (di prima, seconda e terza). Tu cosa pensi?                                                                                                      

Aver abolito (da parte solo di alcuni licei, però, mi pare proprio che sia una minoranza) il termine di Ginnasio equivale, per me, a recarsi una mattina nella piazza del paese e vedere che, il mattino presto, esecutori di un'ordinanza comunale hanno segato l'albero secolare che la ornava, sotto il quale intere generazioni si erano sedute all'ombra a riposare e a parlare. Ora non c'è più. Al suo posto, un'inutile segatura, il sole che picchia duro e la gente con le mani dietro la schiena, che borbotta e  se ne va.
 

                                                                                          IL  SIMPOSIO

   Il vino (oinos in greco, donde il prefisso eno-) è stato legato dai greci al culto di Dioniso, il dio dell’ebbrezza e della musica, che travolge la razionalità e sconvolge le regole. Come Demetra ha donato all’uomo la conoscenza del grano, con il quale si fa il pane, così Dioniso gli ha insegnato l’arte di coltivare la vite e di produrre il vino, che porta allegria e che fa dimenticare gli affanni.
   Nel mondo greco il vino si collega strettamente alla pratica del simposio, termine che deriva da syn + pino = “bere assieme”. Il simposio innanzitutto è riservato al sesso maschile: le donne per bene ne sono escluse.  E’ una riunione di uomini accomunati dall’elevato ceto sociale, dal simile stile di vita, dalla concordanza di vedute politiche, che s’incontrano per rinsaldare la loro amicizia e per confermare la loro reciproca appartenenza al gruppo.
   Il numero dei partecipanti è limitato: vanno solitamente da nove a tre, cioè tra il numero delle Muse e quello delle Grazie (come dice Varrone, pur riferendosi al convito romano ) e stanno sdraiati a due a due su dei letti leggermente inclinati (klinai) disposti ai lati della stanza, tenendo libero il braccio destro. Tra loro si trovano ragazze disponibili (etere) e flautiste, per allietare la serata – infatti il simposio deve iniziare appena fa buio, dopo la cena. Al centro della stanza sta l’oggetto fondamentale del simposio: un grande cratere, nel quale viene compiuta l’operazione di tagliare il vino con l’acqua. Bere vino puro è considerata infatti  un’usanza barbarica: un saggio criterio di misura consiglia di unire 3 parti d’acqua a 2 di vino, oppure 2:1. Il rapporto al 50%, di 1:1 è già considerato eccessivo e sconveniente. 
     Va subito sfatato un luogo comune, cioè che il simposio sia una banale occasione per far baldoria, fare sesso e ubriacarsi. In realtà il simposio, specialmente in età arcaica, è un rituale dalle forti componenti religiose, in cui un gruppo di giovani uomini riaffermano il legame fra di loro benedicendolo nel nome delle forze più grandi che la vita e la natura ci offrono, tra cui domina  l’eros, che è “ebbrezza, sopraffazione della ragione da parte di una « pazzia divina » che strappa l'uomo alla limitatezza della sua esistenza e, in questo essere sconvolto da una potenza divina, gli fa sperimentare la più alta beatitudine”.
    Il carattere religioso del simposio è testimoniato dal fatto che comincia con una triplice libagione: agli dèi celesti e a Zeus Olimpio; agli spiriti degli eroi; a Zeus salvatore. Dioniso, il dio in nome del quale si celebra il simposio, è rappresentato dal vino, anzi “è” il vino,  che è la bevanda inebriante e liberatrice cui tutti i partecipanti attingono. In questo senso il simposio greco richiama alla mente, in chiave pagana, l’agape cristiana, il banchetto comunitario.
   Il carattere religioso del simposio ne spiega e ne caratterizza diversi rituali: l’abluzione preliminare delle mani e dei piedi, come simbolo di purezza prima dell’incontro con il dio; il fatto di portare sul capo una corona di foglie o di fiori in stretta relazione con Dioniso: soprattutto edera e mirto, piante care al dio, e al collo ghirlande di fiori, che si dice erompano dalla terra al passaggio dl dio. L’aria è aromatizzata da profumi, bruciati in appositi incensieri: sono tutti particolari che ci riportano alla mente simili riti induisti ancora praticati nell’India odierna, come quelli in onore del dio Soma, l’equivalente indiano di Dioniso. Segue una triplice libagione: agli dèi celesti e a Zeus Olimpio; agli spiriti degli eroi; a Zeus salvatore. Dioniso, il dio in nome del quale si celebra il simposio, è rappresentato dal vino, anzi “è” il vino,  che è la bevanda inebriante e liberatrice cui tutti i partecipanti fra  poco attingeranno, ma della quale all’inizio si fa un sacrificio, libandola agli dèi.   In questo senso il simposio greco richiama alla mente, in chiave pagana, l’agape cristiana, il banchetto comunitario   Esiste inoltre una sorta di sacerdote del simposio: è il “re del convito” o simposiarca, cioè un simposiasta cui i compagni assegnano il compito di regolare con autorità le attività del simposio, stabilendone le norme, come ad esempio di quanto va tagliato il vino e quanto bisogna bere. Il simposiarca poteva anche imporre a qualcuno prove particolari, come quella di bere apneustì o  amustì (senza prendere fiato, con una sola lunga sorsata).
  Tra le klinai e i tavolini d’appoggio vanno e vengono dei ragazzini (paides) di bell’aspetto, che utilizzando una brocca o un mestolo attingono dal cratere il vino servendolo ai convitati in bellissime coppe decorate: sono le famose ceramiche attiche a figure rosse che ammiriamo nei musei di tutta Europa, chiamate, a seconda della forma, kylikes, kantharoi o skyphoi. Le nostre informazioni sul simposio provengono largamente proprio dalle immagini vascolari, che con la loro bellezza e le loro tematiche ci fanno capire che quelle coppe non erano certo concepite come semplici oggetti d’uso o accessori della tavola, ma fungevano soprattutto da potenti mediatori e diffusori di valori etici e culturali incentrati  sulla superiorità della way of life ateniese.
      Segue una serie di brindisi: una coppa passa di mano in mano e ciascuno beve alla salute di tutti; si fanno brindisi individuali in onore del compagno preferito; si brinda con la coppa dell’amore, vuotandola e poi passandola di nuovo piena al compagno cui si rivolge l’omaggio, che a sua volta la vuota. L’amore è infatti una componente essenziale del simposio: può essere sia omoerotico (tra i compagni del simposio, o tra un simposiasta e un efebo) che eterosessuale (con le etere, le flautiste o le danzatrici). Ma, come insegna Platone nel Fedro e nel Simposio, tale omoerotismo può e deve spingersi dall’aspetto fisico a quello spirituale, intellettuale, tra due uomini di profondo sentire.
   Componente fondamentale del simposio  è la poesia, unita al canto: durante il simposio si cantano liriche con l’accompagnamento di una cetra o del flauto. Gli autori, come Alceo, cantano le proprie liriche, seguite dai commenti degli altri partecipanti.  Gli argomenti sono tutti quelli che interessano ai compagni del simposio: l’amore, il vino, la lotta politica, le tematiche esistenziali, come l’invecchiamento e la morte, che debbono indurre a godere maggiormente dell’ora presente. C’era l’uso di far girare tra i simposiasti un ramo di mirto: chi lo teneva in mano doveva intonare un canto per il diletto degli altri.
     C’era ampio spazio anche per le conversazioni e le discussioni su ogni argomento, divertente o serio, di tipo politico e filosofico, come nel Simposio di Platone, che consiste in una discussione tra i sette partecipanti al convito su quale sia la reale identità di Eros.
     Tra i giochi e i passatempi, caratteristico era quello del cottabo:
Con le gocce residue di vino rimaste nella coppa, ciascun simposiasta tentava di colpire un piatto oscillante collocato a una certa distanza in cima a un’asta. Il lancio andava fatto secondo una regola precisa, cioè senza utilizzare il braccio ma unicamente con un movimento del polso. Si vinceva se, centrando il piattino, lo si faceva cadere su un piatto metallico più grande collocato a metà dell’asta, producendo un suono armonioso.   
   Alla fine del simposio poteva seguire il Komos, cioè un’allegra baldoria per le strade della città accompagnata da canti in onore di Dioniso. Capitava che gruppi di giovani simposiasti ebbri irrompessero nelle case altrui dove si stava pure svolgendo un simposio, portando una ventata di follia e di sregolatezza. Nel Simposio di Platone, dopo che Socrate ha finito il suo discorso e Aristofane sta per replicare, fa la sua comparsa Alcibiade ubriaco, sostenuto da una flautista; appena entrato comincia ad incoronare Agatone con nastri e corone di fiori. Vedendo Socrate, e dopo aver ornato anche lui, invita tutti a bere da una tazza enorme; allora Erissimaco afferma che nel loro simposio si era convenuto di limitare le bevute e di fare, invece, a turno l'elogio di Eros. Alcibiade rifiuta di mettersi in gara e propone di fare un elogio a Socrate: inizia così, per bocca di Alcibiade, una delle più belle descrizioni del fascino intellettuale del grande filosofo.
                         A. Del Ponte